Passa ai contenuti principali

Magna Grecia Beach Rugby Cup 2017

Si terrà domani (domenica 18 giugno ndr) la quinta tappa del Magna Grecia Beach Rugby Cup che, per l’occasione, approda in Molise sull’arenile di Termoli.
Saranno otto le compagini che si daranno battaglia per la conquista del Torneo. Accanto a chi si contenderà la vittoria nel Comitato Magna Greciache comprende i sodalizi di Basilicata, Calabria, Molise e Puglia – vale a dire: Draghi BAT di Barletta, il Salento Rugby, le Chiappe Bianche di Campobasso e la new entry Rebels, compagine di giocatori pugliesi guidata dal salentino Giuseppe Bianco, ci saranno le compagini laziali dei Forastici di Anzio, Pinguini Nucleari di Roma, IronHill di Colleferro e FortApache di Fiumicino.
Nel Magna Grecia Cup solo i Draghi BAT, distaccati da 14,64 punti dalla capolista Rugby Club Granata di Gioia del Colle, possono puntare al primo posto della Regular Season in attesa dell’ultima tappa che si terrà a Vieste il 2 luglio prossimo.
Grande attesa anche per il Torneo Femminile dove le tarantate del Salento Rugby affronteranno su tre gare le abruzzesi del Tetras Rugby di San Salvo. Una nuova sfida dunque per le ragazze capitanate da Cielo Chirico, veterana del beach rugby salentino, in vista di una possibile finale scudetto che si terrà il 29 luglio a Terracina.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata