Passa ai contenuti principali

Inaugurazione dell’Anno Accademico 2016-2017 del Politecnico di Bari

Bari, 1 giugno 2017 – Sarà inaugurato, lunedì, 5 giugno, il 26° anno accademico del Politecnico di Bari, 2016-2017. La cerimonia avrà luogo nell’aula magna “Attilio Alto” (campus universitario) con inizio alle ore 10:00.L’Inno nazionale anticiperà gli interventi d’apertura del Presidente del Consiglio degli Studenti del Politecnico, Andrea
Barletta e del rappresentante del Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario, Giovanni Caramia. Proseguirà con la relazione del Magnifico Rettore, Eugenio Di Sciascio a cui farà seguito quella dell’ospite d’onore, il Presidente e Amministratore delegato di “General Electric” per l’Italia e Israele, Sandro De Poli. La Gli interventi delle autorità e quelli ulteriori programmati concluderanno la cerimonia.
L’inaugurazione sarà anticipata, ore 8:30, dalla Santa Messa che sarà celebrata da S.E. Mons. Francesco Cacucci nella cappella del Politecnico “Sedes Sapientiae”.
La giornata di festa infine, si concluderà nel pomeriggio, ore 17:00, presso la sede del Museo della Fotografia (campus universitario). Nell’occasione, il Rettore consegnerà i sigilli-ricordo del Politecnico ai neo pensionati dell’ateneo.



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata