Passa ai contenuti principali

Il Rettore Zara parteciperà alla tavola rotonda Problemi e prospettive per il sistema universitario”.

Il Rettore Zara parteciperà alla tavola rotonda, che si terrà martedì 27 giugno 2017 presso la sede della CGIL a Roma, sul tema “La valutazione oltre l’ideologia. Problemi e prospettive per il sistema universitario”.

Alla tavola rotonda parteciperà, oltre a Francesco Sinopoli, segretario generale della FLC CGIL, la Ministra Valeria Fedeli e il professor Alberto Baccini dell’Università di Siena. Coordinerà la discussione Alessandro Arienzo della FLC CGIL.



«Sono certo che durante la riunione saranno trattati punti di estremo interesse per il sistema universitario», dichiara il rettore Zara. «Autonomia, responsabilità e valutazione sono elementi strettamente interconnessi all’interno del sistema universitario e proprio la valutazione in questi ultimi anni sta giocando un ruolo fondamentale non solo nella ripartizione delle risorse premiali tra gli Atenei ma anche nelle valutazioni dei singoli, ad esempio nell’abilitazione scientifica nazionale (ASN). È quindi importante che le metodologie di valutazione adottate siano adeguate e che ci sia anche una sostanziale condivisione con gli attori operanti nelle Università e negli Enti di ricerca».

Il Rettore dell’Università del Salento Vincenzo Zara è stato inoltre appena nominato dalla Ministra Valeria Fedeli componente, in qualità di rappresentante del MIUR, della commissione tecnico-consultiva per il riconoscimento delle scuole e istituzioni formative di rilevanza nazionale operanti nei settori audiovisivo e cinema, teatro, musica, danza e letteratura nel settore MIBACT per il rilascio di titoli equipollenti a quelli universitari.


Lecce, 26 giugno 2017 
Ufficio Comunicazione e URP
Università del Salento

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 23 Settembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa