Passa ai contenuti principali

GALATINA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE ANTINCENDIO CON MONITOR 4015

Al via la campagna d’informazione e sensibilizzazione antincendio promossa dai volontari del Servizio Civile Nazionale “Progetto Monitor 4015”.
La campagna di sensibilizzazione porterà avanti una comunicazione mirata il cui scopo sarà quello di informare e sensibilizzare i cittadini sul rischio degli incendi boschivi i quali creano degrado ambientale e provocano danni alla vegetazione, riducono la biodiversità, espongono il suolo ai fenomeni erosivi, inquinano l’aria e mettono a rischio gli insediamenti umani.

La legge quadro in materia di incendi boschivi (legge numero 353 del 21/11/2000) ha introdotto il reato di incendio boschivo e ha assegnato alle regioni il compito di redigere il piano regionale delle attività di previsione, prevenzione e lotta contro gli incendi boschivi.
Di seguito il calendario della campagna d’informazione che partirà nelle seguenti date:
UFFICIO STAMPA DEL COMUNE DI GALATINA

11 Giugno 2017 dalle ore 9:00 alle 12:00:
  • Collemeto; Piazza Italia.
  • S. Barbara; Piazza Andriani.
25 Giugno 2017 dalle ore 9:00 alle 12:00:
  • Noha; Piazza S. Michele Arcangelo.
9 Luglio 2017 dalle ore 9:00 alle 12:00:
  • Galatina; Chiesa S. Sebastiano Martire.
  • Galatina; Piazza S. Pietro.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata