Passa ai contenuti principali

Gaetano Di Rienzo è il nuovo presidente della Siet

Gaetano Di Rienzo è stato nominato Presidente della Società Scientifica Nazionale SIET (Società Italiana di Endoscopia Toracica) per il biennio 2017/19.
La nomina al vertice di una delle due Società scientifiche dei chirurghi toracici italiani, rappresenta un riconoscimento prestigioso per l’attività della Chirurgia Toracica dell’Ospedale “Vito Fazzi”, che Di Rienzo dirige dal 2004.

«Vale la pena sottolineare – commenta il direttore generale ASL Lecce, Silvana Melli - che per una città come Lecce, priva di una Facoltà di Medicina, il conferimento ad un proprio chirurgo ospedaliero della massima carica di una Società nazionale è senza dubbio motivo di grande soddisfazione. E’ un riconoscimento all’attività dell’intera équipe del dott. Di Rienzo, che comprende professionisti di grande spessore, quali i dottori Corrado Surrente, Gaetano Greco, Camillo Lopez, Anna Lucia Urgese, Giovanna Imbriglio e Luigi Andriolo. Ed è un riconoscimento anche all’intero Ospedale Fazzi, perché il lavoro di una Unità Operativa è il frutto della collaborazione di tutta la struttura ospedaliera e ne esprime ai più elevati livelli le capacità operative e gestionali».
Per quanto riguarda la diagnostica invasiva e i trattamenti chirurgici (radicali e palliativi), la Chirurgia Toracica del Fazzi ha un ruolo centrale nel Salento, in particolare per le neoplasie polmonari. Lo dimostrano i numeri: in un anno si eseguono 480 procedure comprendenti la diagnostica invasiva (broncoscopie, ago aspirati linfonodali trans-bronchiali, ago biopsie TAC-guidate, mediastino scopie), interventi palliativi (videotoracoscopie per versamenti pleurici) e circa 120 interventi radicali di chirurgia sul polmone (il 60% dei quali in mini-invasiva).
Proprio quest’ultima tecnica d’intervento, la VATS, rappresenta uno dei punti di forza della Chirurgia Toracica del “Fazzi”. La VATS è una tecnica mini-invasiva che prevede l’esecuzione di un intervento di lobectomia senza uso del divaricatore costale, con l’introduzione degli strumenti chirurgici attraverso due piccole incisioni ed esclusivamente in visione con monitor. L’intervento eseguito in VATS ha gli stessi risultati della tecnica a cielo aperto, ma comporta una notevole riduzione del dolore post-operatorio e una migliore ripresa funzionale del paziente.
Dal 2012 la Chirurgia Toracica leccese ha eseguito 320 interventi con la tecnica mini-invasiva ed è l’unico reparto in Puglia ad eseguire regolarmente questo approccio, risultando tra i primissimi posti in Italia sia come numero di interventi sia come corsi di interventi in diretta organizzati e condotti dall’équipe locale.
Dal 2004, inoltre, il reparto diretto da Di Rienzo ha organizzato annualmente 7 eventi congressuali, 5 corsi di chirurgia polmonare mini-invasiva in diretta televisiva e quest’anno, il 28-30 settembre prossimi, organizzerà il XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Endoscopia Toracica, che si terrà all’Hilton Garden Hotel. E’ un Congresso che vedrà la collaborazione fra chirurghi toracici e pneumologi e nel quale verranno discusse problematiche diagnostiche e terapeutiche innovative nel campo di varie malattie polmonari (tumori, diagnostica del mediastino, stenosi tracheali, interstiziopatie polmonari, enfisema polmonare).
Carissimi Amici, Colleghe e Colleghi,ho il piacere di  invitarVi al XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Endoscopia Toracica  (SIET) che sto organizzando a Lecce dal 28 al 30 Settembre 2017.
In uno scenario mondiale che vede sempre più affermarsi procedure radiologiche ed endoscopiche “interventistiche” e mini-invasive,  penso sia opportuno che anche i Chirurghi Toracici Italiani riflettano sulla necessità di stimolare, nell’ambito complessivo della nostra specialità,  le tecniche endoscopiche e mini-invasive.

fonte salute salento

Commenti

Post popolari in questo blog

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa

News Video Galatina 26 Giugno 2017