Passa ai contenuti principali

ENEL INCONTRA IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO PAOLO GENTILONI E PRESENTA OPEN METER, IL CONTATORE ELETTRONICO 2.0

  • Il nuovo smart meter è stato presentato questa mattina al Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni dall’Amministratore Delegato di Enel, Francesco Starace, e dal Direttore Infrastrutture e Reti Global, Livio Gallo.
  • Parte il piano di e-distribuzione per sostituire il contatore elettronico in 32 milioni di case e aziende in Italia con Open Meter. La Puglia coinvolta con circa due milioni e mezzo di installazioni.


  • Interamente progettato in Italia da e-distribuzione e con un design innovativo concepito dall’architetto Michele De Lucchi, il nuovo smart meter è il risultato di un percorso che tiene conto dell’evoluzione tecnologica nel campo della misura e della telegestione.

  • 250 imprese coinvolte nei lavori di installazione, con 4000 tecnici sull’intero territorio nazionale



Roma, 26 giugno 2017 – L’Amministratore Delegato di Enel, Francesco Starace e il Direttore della Divisione Infrastrutture e Reti Global di Enel, Livio Gallo, hanno illustrato al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni il progetto “Open Meter”, il contatore elettronico 2.0, che verrà installato in 32 milioni di case e aziende in Italia in sostituzione degli attuali contatori di prima generazione. In Puglia saranno sostituiti circa due milioni e mezzo di contatori dei quali circa settecentomila a Bari e provincia, centottantamila nella BAT, duecentocinquantamila a Brindisi, quattrocentomila a Foggia, cinquecentomila a Lecce, trecentocinquantamila a Taranto.

Il contatore intelligente di seconda generazione, progettato e sviluppato da e-distribuzione, è uno dei pilastri del piano di investimento per l’Italia del Gruppo Enel, focalizzato sulle fonti rinnovabili e la digitalizzazione, e costituisce un esempio concreto di impulso all’innovazione per il Paese.

Il piano avviato da e-distribuzione prevede complessivamente, su un arco temporale di 15 anni, l’installazione di circa 41 Milioni di misuratori 2.0, di cui circa 32 milioni in sostituzione degli attuali contatori di prima generazione e i restanti per nuove connessioni e richieste dei clienti. L’investimento complessivo previsto è di circa 4,3 miliardi di euro, di cui 1,3 miliardi per i primi 13 milioni di contatori entro il 2019.

I lavori di installazione saranno realizzati da circa 250 imprese esterne, interessando complessivamente circa 4000 tecnici sull’intero territorio nazionale.

Il nuovo contatore si ispira al concetto di energia aperta, accessibile, tecnologicamente all’avanguardia e sostenibile. E-distribuzione è il primo distributore di energia al mondo ad avere già sviluppato la seconda generazione del sistema di telegestione.

Disegnato dall’architetto Michele De Lucchi, e interamente progettato in Italia da e-distribuzione, il contatore di seconda generazione è il risultato di un percorso che tiene conto di quanto avvenuto negli ultimi anni sul mercato e dell’evoluzione tecnologica nel campo della misura e della telegestione. “Open Meter” si attiene alle specifiche per i nuovi misuratori previste dalla delibera 87/2016 dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico. Con la delibera 222/2017 dello scorso mese di aprile l’Autorità ha approvato il piano di messa in servizio dei nuovi contatori proposto da e-distribuzione.
L’installazione dei nuovi contatori di e-distribuzione, consentirà ai clienti italiani, senza incrementi tariffari, di migliorare la consapevolezza dei propri consumi, avere accesso a nuovi servizi e, in prospettiva, partecipare attivamente al nuovo mercato dell’energia.




Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 23 Novembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa