Passa ai contenuti principali

Decoro e igiene nelle aree verdi del Vito Fazzi

Dopo le sconcertanti immagini delle formiche nel letto dei pazienti ricoverati (a Napoli) e dei nidi di blatte nelle cucine (a Torino), Salute Salento ha voluto rendersi conto di come vanno le cose nelle nostre strutture sanitarie. E ha scoperto lo spirito di servizio e la passione con la quale i giardinieri del “Vito Fazzi”, curano le aiuole e le aree verdi.

In particolare sono due gli operai-artisti, dipendenti di Sanitaservice, che con dedizione e passione garantiscono ogni giorno il decoro e l’igiene delle aiuole e dei giardini del più importante ospedale della nostra Asl.
Muniti di tagliasiepi e decespugliatori, ogni giorno i due operatori provvedono a cesellare con le forbici le siepi e i palmizi. Innaffiano i prati e rasano l’erba e provvedono a pulire e bonificare ogni più nascosto anfratto nel verde.
Ogni giorno i due operai provvedono a garantire un’immagine di decoro e di igiene dell’ospedale. Immagine che in molti casi viene compromessa dal comportamento incivile dei frequentatori (compresi alcuni dipendenti) che lasciano a ridosso delle siepi, nei parcheggi, sacchetti della spazzatura. Gli addetti ai giardini, senza fiatare, rimuovono i sacchetti e restituiscono agibilità e decoro agli spazi comuni.
Ma l’estro e la fantasia dei due giardinieri trova piena espressione e sfogo artistico quando “lavorano” di forbici alle grandi siepi a forma di stella che dominano l’ingresso del “Fazzi”. Un’espressione di pace e tranquillità di cui c’è tanto bisogno in un luogo di sofferenze.

fonte salute salento



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata