Passa ai contenuti principali

Convegno fisica nonlineare

“Physics and Mathematics of Nonlinear Phenomena 2017. 50 years of I.S.T.” (sito ufficiale: http://pmnp.unisalento.it/), ultimo di una serie di convegni sul tema organizzati dal gruppo di ricerca in Fisica Nonlineare del Dipartimento di Matematica e Fisica “Ennio De Giorgi” dell’Università del Salento.

Questa edizione celebra il cinquantenario della pubblicazione su Physical Review Letters del fondamentale lavoro di C.S. Gardner, J.M. Greene, M.D. Kruskal e R.M. Miura sull’integrabilità dei sistemi nonlineari, con il quale è stato introdotto un metodo, denominato Inverse Scattering Transform, talmente innovativo. “La nonlinearità ha subito una rivoluzione: da fastidioso problema da eliminare e ridurre a perturbazione è divenuta un nuovo strumento da sfruttare”, secondo la motivazione del Premio Steele successivamente assegnato dalla American Mathematical Society ai quattro scienziati.

Tra gli ospiti di spicco del convegno ci saranno Francesco Calogero (Università di Roma La Sapienza, Accademico dei Lincei), Mark Ablowitz (University of Colorado, Medaglia Kruskal) e Vladimir Zakharov (University of Arizona, USA, Landau Institute for Theoretical Physics di  Mosca, Medaglia Dirac, membro della Accademia delle Scienze di Russia). Il convegno sarà inoltre l’occasione, con una  sessione curata dai suoi principali allievi, per onorare la Medaglia Dirac professor Ludwing Faddeev, insigne scienziato russo recentemente scomparso, che ha enormemente contribuito alla versione quantistica della teoria.

Il convegno è organizzato dai professori Boris Konopelchenko, Giulio Landolfi, Luigi Martina e Raffaele Vitolo del Dipartimento di Matematica e Fisica “Ennio De Giorgi” UniSalento.

Ufficio Comunicazione e URP
Università del Salento

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata