Passa ai contenuti principali

Calcio a 11, la squadra CUS-Unisalento

La squadra di calcio a 11 CUS-Università del Salento è in partenza per la fase finale del Campionato nazionale universitario di calcio, in programma a Catania dal 9 al 18 giugno 2017: la squadra dell’Ateneo salentino esordirà sabato 10 giugno contro la rappresentativa del Cus Pisa.
La squadra indosserà la nuova maglia presentata nei giorni scorsi,

in occasione della Presentazione del “Regolamento degli Studenti atleti e delle Associazioni sportive Unisalento”, alla presenza di Manuela Olivieri, moglie del campione Pietro Mennea, dal Presidente del CUS Lecce Università Roberto Rella, dai docenti Michele Giuranno e Luigi Melica, dai dottori di ricerca Luigi Piper e Irene Preite e dagli studenti Michele Guastella, Samuele Rizzo, Paolo D’argento e Donato Pagano.

Alla presentazione erano presenti gli sponsor: “Samsara Beach” e “Riobo” di Gallipoli, “Icare Medical Solutions” di Copertino, “Palmarini Munizioni Esplosivi” di Lecce, “Citroen Le Car Srl” di Lecce e Maglie.

La rappresentativa, selezionata da Claudio Campilongo, Gianni Inguscio, Osvaldo Marulli, Gianfranco Caputo e Gianni Mugo, componenti dello staff tecnico, è composta da: Di Giacomo Cristiano, Stefano Alessandro, Cesare Rollo, Antonio Salvatore Corvaglia, Donato Pagano, Paolo D’argento, Giulio Perrone, Michele Guastella, Paolo Verdesca, Francesco Mariano, Luigi Zilli, Francesco Cito, Daniele Lillo, Gabriele Alemanni, Lorenzo Piccinno, Gabriele Dimitri, Gabriele Sacco, Samuele Rizzo, Simone D’Amore, Andrea Portaccio.

Comunque andranno le fasi finali, la squadra festeggerà la conclusione dell’annata sportiva al “Samsara Beach” di Gallipoli.

Ufficio Comunicazione e URP
Università del Salento

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata