Passa ai contenuti principali

Calcio a 11, la squadra CUS-Unisalento

La squadra di calcio a 11 CUS-Università del Salento è in partenza per la fase finale del Campionato nazionale universitario di calcio, in programma a Catania dal 9 al 18 giugno 2017: la squadra dell’Ateneo salentino esordirà sabato 10 giugno contro la rappresentativa del Cus Pisa.
La squadra indosserà la nuova maglia presentata nei giorni scorsi,

in occasione della Presentazione del “Regolamento degli Studenti atleti e delle Associazioni sportive Unisalento”, alla presenza di Manuela Olivieri, moglie del campione Pietro Mennea, dal Presidente del CUS Lecce Università Roberto Rella, dai docenti Michele Giuranno e Luigi Melica, dai dottori di ricerca Luigi Piper e Irene Preite e dagli studenti Michele Guastella, Samuele Rizzo, Paolo D’argento e Donato Pagano.

Alla presentazione erano presenti gli sponsor: “Samsara Beach” e “Riobo” di Gallipoli, “Icare Medical Solutions” di Copertino, “Palmarini Munizioni Esplosivi” di Lecce, “Citroen Le Car Srl” di Lecce e Maglie.

La rappresentativa, selezionata da Claudio Campilongo, Gianni Inguscio, Osvaldo Marulli, Gianfranco Caputo e Gianni Mugo, componenti dello staff tecnico, è composta da: Di Giacomo Cristiano, Stefano Alessandro, Cesare Rollo, Antonio Salvatore Corvaglia, Donato Pagano, Paolo D’argento, Giulio Perrone, Michele Guastella, Paolo Verdesca, Francesco Mariano, Luigi Zilli, Francesco Cito, Daniele Lillo, Gabriele Alemanni, Lorenzo Piccinno, Gabriele Dimitri, Gabriele Sacco, Samuele Rizzo, Simone D’Amore, Andrea Portaccio.

Comunque andranno le fasi finali, la squadra festeggerà la conclusione dell’annata sportiva al “Samsara Beach” di Gallipoli.

Ufficio Comunicazione e URP
Università del Salento

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 24 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa