Passa ai contenuti principali

“}ALL RIGHT?{ ARTE & DIRITTI UMANI”

Domani, venerdì 23 giugno alle 11, nella sala conferenze stampa di Palazzo Adorno a Lecce, si terrà la presentazione di }all right?{arte & diritti umani, progetto espositivo ideato e curato dal professore Massimo Guastella e organizzato dal Comune di Lizzanello, in collaborazione con i Dipartimenti di Beni Culturali e di Scienze Giuridiche dell’Università del Salento e alcune associazioni, e con il patrocinio di Provincia di Lecce e Regione Puglia.Ufficio Stampa Provincia di Lecce
 

Illustreranno i dettagli della rassegna, che trasformerà le piazze di Lizzanello e Merine in due contenitori all’aperto di arte contemporanea e si svilupperà anche in laboratori pedagogici e workshop, il sindaco di Lizzanello Fulvio Pedone, la consigliera comunale con delega alla Cultura Paola Buttazzo, il consigliere provinciale Renato Stabile, l’ideatore e curatore del progetto Massimo Guastella, docente di Storia dell’Arte e Storia dell’Arte contemporanea all’Università del Salento e l’artista albanese Alfred Milot Mirashi, autore delle sculture che saranno esposte nella mostra intitolata “Chiavi”.

Milot Mirashi racconterà, attraverso un percorso ideativo e creativo, la sua avventura di profugo della prima ondata dell’esodo albanese del 1991, tra comunicazione e sperimentazione di procedure e tecniche artistiche con la finalità di un’osmosi tra visione personale e diversi mondi culturali. In particolare, l’artista esporrà, in diversi punti della città, le sue grandi “chiavi” realizzate in ferro, alluminio, vinavil, gesso, juta, schiuma e vetroresina. La mostra, organizzata nell’ambito della rassegna, sarà inaugurata domenica 25 giugno, alle 20.30, a Lizzanello, in piazza San Lorenzo. Il progetto prevede, inoltre, la riqualificazione della stessa piazza con il restauro della colonna di San Lorenzo.


Lecce, 22 giugno 2017

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata