Passa ai contenuti principali

Progetto gesoliv

Domani, venerdì 18 maggio, alle ore 10.30, nella sala conferenze di Palazzo Adorno, a Lecce, sarà presentato Ge.S.Oliv, progetto di Tecniche di GEstione Sostenibile dell’OLIVeto, che si propone di approfondire le conoscenze scientifiche sul ruolo della pianta nell’interazione con il patogeno batterico xylella fastidiosa, nonché con il vettore, al fine di individuare strategie alternative all’eradicazione delle piante e contrastare la diffusione della malattia.Ufficio Stampa Provincia di Lecce

L’innovativo progetto è promosso dal Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo dell’Università degli Studi della Basilicata, con partner: Agreement Spin Off Accademico, Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ispa-Cnr), Dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti (sezione di Chimica e Biochimica) dell’Università degli Studi di Bari (Dissipa), Confederazione Produttori Agricoli di Lecce.

Ad illustrare Ge.S.OLIV. sarà presente Cristos Xiloyannis dell’Università degli Studi di Basilicata e coordinatore scientifico G.S.Oliv. A seguire gli interventi di Antonio Gabellone, presidente della Provincia di Lecce, Silvio Schito, dell’Osservatorio Fitosanitario Regione Puglia e Gianluca Nardone, direttore del Dipartimento Agricoltura Regione Puglia.

Saranno presenti anche i referenti istituzionali dei partner coinvolti nell’iniziativa. I lavori saranno introdotti da Alessandra Miccoli, dell’Università degli Studi di Basilicata e moderati dal giornalista Marco Renna.

Lecce, 18 maggio 2017


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata