Passa ai contenuti principali

NARDO' CANI, DOMENICA C’È IL MICROCHIP DAY

È in programma domenica 28 maggio il Microchip Day, evento organizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con il Corpo di Polizia Locale, con l’associazione Mai più randagio e con Agri Ambiente onlus e destinato a tutti i residenti a Nardò. In piazza Croce Rossa (zona 167) verranno applicati gratuitamente 100 microchip con il supporto del Servizio Veterinario della Asl. Basterà presentarsi con il proprio cane tra le ore 9 e le 12:30, muniti di documento di identità e di codice fiscale.

Una domenica dunque dedicata ai nostri amici a quattro zampe, peraltro in un momento dell’anno particolarmente delicato perché le nuove cucciolate fanno crescere purtroppo il numero degli abbandoni. Il microchip, in moltissimi casi di abbandono dell’animale (o smarrimento), rappresenta l’unica garanzia per la individuazione dei proprietari (o per la restituzione agli stessi). L’impianto del microchip è un obbligo di legge (pena una sanzione di 77 euro) ed è semplice e indolore. Altro non è che un piccolo dispositivo elettronico di pochissimi millimetri, una piccola capsula, che viene impiantata sotto la pelle grazie all’ausilio di una siringa e non richiede anestesia.
Tra le tante iniziative intraprese per contrastare la piaga dell’abbandono - spiega il consigliere delegato al randagismo Gianluca Fedele - abbiamo calendarizzato questa giornata dedicata alla microchippatura gratuita dei cani, di concerto con il servizio veterinario dell'Asl e con le associazioni di volontari, che ringrazio. Una pratica che, ricordiamo, non è solo un dovere morale dei proprietari, ma un preciso obbligo di legge. Peraltro, piuttosto economico visto che la Asl installa il microchip al costo di appena 6,90 euro. Invito tutti ad approfittare di questa iniziativa e dare così l’esempio”.
Ufficio Stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa