Passa ai contenuti principali

“Musei in Contes[x]t

 “Musei in Contes[x]t: raccontare l’indicibile nei musei”. E’ questo l’intrigante tema della seconda edizione della Festa dei Musei, iniziativa del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, in programma il 20 e 21 maggio a cui ha aderito il Museo Provinciale Sigismondo Castromediano.

Sarà l’occasione per conoscere storie controverse ed offrire prospettive inedite, letture alternative delle opere, ed occasioni di riflessione sul patrimonio, scoprire la “storia segreta” mai raccontata, in un gioco di vero o falso, di segreti retroscena, di inganni, di furti e ritrovamenti fortuiti che hanno visto protagonisti, in un passato più o meno lontano, vasi, ceramiche e iscrizioni greche e messapiche della collezione Castromediano.

Questi gli appuntamenti: Domenica mattina, dalle 10,30 alle 12,30, per la sezione “Dietro il patrimonio”, una visita guidata nel percorso archeologico del museo dal titolo “Ssss….! Storie di truffe e di inganni al museo Castromediano… e altre storie indicibili” svelerà ciò che nessuna guida potrà mai raccontare.

A seguire, dalle 12.30 alle 13.30, nelle sale della Pinacoteca intitolata ad Antonio Cassiano, “Largo all’esperto” con al centro “Cristo e l’adultera”, olio su tela di Paolo Finoglio, appena rientrato dalla grande mostra romana a Palazzo Braschi, dedicata ad “Artemisia Gentileschi e il suo tempo”.

La Festa dei Musei 2017, in continuità con quanto proposto da ICOM (International Council of Museums) per la Giornata internazionale dei Museidello scorso anno, punta i riflettori sul patrimonio materiale e immateriale che per ragioni politiche, storiche, ideologiche è stato fino a oggi emarginato o escluso dalla presentazione al pubblico.



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata