Passa ai contenuti principali

"La Riforma Protestante 500 anni dopo", una mostra alla Biblioteca "P. Siciliani" di Galatina

Il 31 ottobre 1517 il monaco Martin Lutero, dopo un intenso confronto con i testi biblici, affigge sulla porta della chiesa del castello di Wittenberg un documento contenente 95 tesi sulla penitenza, con una forte critica alla pratica della vendita delle indulgenze. Questa data da allora è considerata l’inizio della Riforma protestante.
Ricorrendo quest’anno i 500 anni, la Biblioteca “P. Siciliani” e la società Libermedia, in collaborazione
con il Centro ecumenico Oikos di Galatina e il Servizio civile nazionale-Progetto In-reading 2015, propongono - nell’ambito della campagna nazionale “Il Maggio dei Libri”- una mostra di libri antichi e moderni, che trattano della Riforma e di alcuni suoi protagonisti, dal titolo “La Riforma protestante 500 anni dopo”. In occasione dell’apertura della mostra, la dottoressa Rossella Schirone, Docente di ecumenismo presso l’ISSR di Lecce della Facoltà Teologica Pugliese, ci illustrerà cosa è stata la Riforma, cosa ha significato nei secoli e cosa rappresenta oggi.
Vi aspettiamo venerdì 19 maggio alle ore 19 presso la Biblioteca “P. Siciliani” di Galatina!

Ufficio stampa del comune di Galatina


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata