Passa ai contenuti principali

Il Comune di Nardò aderisce al “Patto dei Sindaci”

Il Comune di Nardò aderisce al “Patto dei Sindaci” per il clima e l’energia, un movimento di città che affrontano la duplice sfida di ridurre le emissioni di CO2 (e di altri gas serra) dei propri territori di almeno il 40% entro il 2030 (mediante una migliore efficienza energetica e un maggiore impiego di fonti di energia rinnovabili) e di accrescere la propria resilienza, adattandosi agli effetti del cambiamento climatico. L’adesione è arrivata oggi grazie a una deliberazione del Consiglio comunale.
Il Patto è l’azione prioritaria del piano di azione dell’Ue per l’efficienza energetica, dal momento che la Commissione europea ritiene che i Comuni si debbano assumere la responsabilità per la lotta al cambiamento climatico e che siano necessarie azioni a livello locale e regionale. Anche perché le città sono responsabili, indirettamente o indirettamente (attraverso i prodotti e i servizi utilizzati dai cittadini), di oltre la metà delle emissioni di gas serra. Il Comune di Nardò, tra le altre cose, si impegnerà a superare gli obiettivi fissati per l’Ue al 2030, a mobilitare la società civile al fine di sviluppare insieme politiche e misure da attuare per raggiungere gli obiettivi del piano di azione, a organizzare eventi specifici, a partecipare alla conferenza annuale Ue dei Sindaci per l’energia sostenibile in Europa.
Il Consiglio comunale ha anche proceduto alla surroga del consigliere dimissionario Marcello Risi. Al suo posto subentra Roberto My.
                                                                                                                 Ufficio Stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 24 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa