Passa ai contenuti principali

Gallipoli trasformiamo Corso Roma in una zona pedonale? Con i nuovi parcheggi si può!

Noi dell’Associazione Commercianti e Imprenditori di Gallipoli, lo scorso anno abbiamo fatto un sondaggio riguardo la possibile chiusura di Corso Roma. Una sorta di referendum interno in cui la maggior parte dei nostri iscritti era favorevole alla sua chiusura per rendere fruibile tutto il corso alle migliaia di turisti presenti nei mesi estivi e realizzare così una maxi area pedonale. Lo scorso anno l’ipotesi venne scartata per non creare ingorghi con le auto visto che non vi erano molti posti disponibili
per la sosta. Quest’anno ritorniamo a proporre questa ipotesi su sollecitazione degli imprenditori e dei commercianti considerando che le aree parcheggio sono in via di potenziamento (si trovano in zona cimitero, zona sede vigili del fuoco, zona portuale e area mercatale) . L’amministrazione comunale ha, tra l’altro, stretto accordi con gli “Ncc” (noleggio con conducente) per istituire le navette che trasporteranno i turisti dalle aree parcheggio predisposte e già potenziate (compreso l’area portuale i cui spazi adibiti alla sosta saranno rimodulati) facilitando tutti coloro che vorranno raggiungere il centro. Visto che fino ad ora gran parte delle nostre idee e delle nostre proposte sono state sempre prese in considerazione dall’amministrazione comunale vorremmo proporre la rivalutazione di questa nostra proposta (da attuare nei weekend, dalla seconda metà di luglio e fino alla fine di agosto) che ci arriva proprio dai commercianti di Corso Roma convinti che, una maxi area pedonale, possa solo essere un bene per tutte le attività produttive.

dott. Matteo Spada

Pres. Associazione Commercianti e Imprenditori di Gallipoli

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 24 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa