Passa ai contenuti principali

“Food a Sud"

Food a Sud merita di diventare un progetto stabile, studieremo le modalità più idonee per istituire un’apposita cabina di regia: la formazione nella comunicazione dell’enogastronomia è fondamentale per una regione di eccellenze qual è la Puglia. Si tratta di un aspetto strategico e cruciale per proseguire lo straordinario trend turistico della nostra regione, tanto meglio se, come è stato dimostrato in questa rassegna, si abbracciano formule innovative” così l’assessore
regionale alla Scuola Sebastiano Leo stamattina a Lecce al convegno di apertura della giornata conclusiva della prima rassegna pugliese dedicata alla comunicazione e al giornalismo enogastronomico.

Anche i relatori ospiti della rassegna - Marcella Gabbiano, giornalista di Repubblica, Marcello Masi, giornalista e conduttore “I Signori del Vino” e “Linea Verde” Rai 1, Paola Sucato, blogger ed esperta di comunicazione, ed Enzo Vizzari, giornalista e direttore delle Guide de L’Espresso, Flavia Coccia, direttore operativo dell’Istituto Nazionale Ricerche Turistiche - hanno posto l’accento sull’importanza non solo della formazione continua per tutti gli addetti ai lavori e gli studenti delle scuole alberghiere, ma anche di rendere Food a Sud una sorta di laboratorio permanete, una fucina di idee, di innovazione, di banca dati, di luogo virtuale di incontro fra domanda e offerta per accrescere le capacità comunicative e di informazione di un territorio di cui sono state sottolineate le peculiarità che ne rendono unica l’offerta turistica. Non solo sole e mare, ma anche e soprattutto l’enogastronomia, i piatti, le tipicità, le storie della tradizione legate ai prodotti, che meritano di essere raccontate.
I numeri di questa primissima edizione: un centinaio di giornalisti scritti ai corsi, che prevedevano crediti per la formazione continua, docenti, addetti ai lavori e quasi duecento studenti che si sono avvicendati nella due giorni.

”FOOD A SUD”, infatti, nato da un’idea delle giornaliste Rosaria Bianco, Leda Cesari e Francesca Sozzo ha visto non solo la collaborazione fra l’associazione “Food a Sud”, l’Ordine dei Giornalisti di Puglia, col contributo della Regione Puglia- Assessorato all’Istruzione e il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e del Comune di Lecce, ma anche il partenariato con alcune scuole alberghiere salentine: l’Ipseo Aldo Moro di Santa Cesarea Terme (istituto capofila) l’ “Elsa Morante” di Crispiano e il “Gaetano Salvemini” di Fasano.




Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa