Passa ai contenuti principali

«Fare Mediterraneo»

Tre giorni dedicati alle produzioni di eccellenza che il Mediterraneo esprime nei settori agroalimentare, vinicolo, artistico, tessile, bio-edile, tecnologico, digitale e dei servizi.
Da venerdì 2 a domenica 4 giugno, tre giorni di eventi, dibattiti, concerti con grandi artisti internazionali, in uno spazio espositivo di eccezione: lungomare Cristoforo Colombo a Leuca.

«Fare Mediterraneo» sarà vetrina economica, acceleratore di relazioni, contenitore culturale dedicato al Mediterraneo contemporaneo, che si esprime nell’universo straordinario di produzioni e produttori sapienti e visionari. Una formula innovativa, che contamina l’esposizione delle imprese artigiane e delle piccole imprese con un programma artistico e culturale d’eccezione.

La manifestazione sarà presentata domani mattina, martedì 30 maggio, alle ore 10.30, nella sede di Confartigianato Imprese Lecce, sita a Lecce, in piazzetta Montale, 4. Interverranno:
- Giuseppe Negro, segretario generale di Confartigianato Imprese Lecce;
- Cesare Dell’Anna, direttore artistico di «Fare Mediterraneo»;

- Federico Ceschin, direttore del Parco culturale ecclesiale «Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae».

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata