Passa ai contenuti principali

DDL RISTORAZIONE COLLETTIVA, DONNO (M5S): TESTO FERMO A VECCHIA DISCIPLINA APPALTI

Roma, 18.05.2017 - "Ad agosto del 2015 veniva presentato il DDL Pignedoli (PD) sulla ristorazione collettiva. Dopo due anni di audizioni intervallate da lunghi silenzi e inattività in Commissione Agricoltura in Senato, ora è tempo di emendare il testo. Peccato che il testo in questione sia ormai datato e non tenga conto della nuova disciplina del Codice dei contratti pubblici" afferma in una nota la Senatrice Daniela Donno (M5S), Capogruppo in Commissione Agricoltura.

"Nel DDL sono continui i riferimenti al Decreto legislativo n. 163 del 2006, vale a dire la vecchia disciplina in materia di contratti pubblici, che però, nel frattempo, è stata abrogata e sostituita con il D.lgs. 50 del 2016" prosegue Donno.
"Durante le audizioni, i vari soggetti intervenuti, a partire proprio dall'Anac, hanno rimarcato in tutte le salse questo deficit. A questo punto, ci domandiamo a che gioco stanno giocando i commissari di maggioranza. Emendare un testo che ha bisogno di una revisione complessiva oltre che di un adeguamento al novellato quadro normativo è una scelta dissennata che palesa quanto questo Governo voglia solo perdere tempo" conclude la pentastellata.



Daniela Donno
Vice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica
 
---

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa