Passa ai contenuti principali

“Dal racconto la bellezza”: il progetto che tramuta gli itinerari turistici in viaggi narrativi

Si terrà domenica 28 maggio il workshop per illustrare il progetto “Dal racconto la bellezza”, un esperimento di viaggio esperienziale e di narrazione corale dei luoghi, ideato e realizzato daLiquilab di Tricase che si occupa di tutela, valorizzazione, innovazione e ricerca della memoria antica, moderna e interculturale.
Start alle 18 nella sede di Liquilab nell’ex Convento dei Domenicani in Piazzetta Dell’Abate. Dopo i saluti
del sindaco di Tricase Antonio Coppola, l’idea progettuale sarà presentata da Ornella Ricchiuto, direttore antropologico, da Ippolito Chiarello, direttore artistico e da Eugenio Imbriani, docente di Antropologia Culturale dell’Università del Salento. Interverranno le istituzioni coinvolte, conclusioni affidate a Daniela Talà per Artis Puglia Sviluppo, Stefania Mandurino per Puglia Promozione e Luigi De Luca per la Regione Puglia.
Alle 19.30 poi, i partecipanti saranno coinvolti in un viaggio itinerante nel centro storico di Tricase, con la guida della “Compagnia Liquilab”, artisti diretti da Ippolito Chiarello: Gianluca Preite nel ruolo de L’Ulivo, ancora Pasquale Quaranta, Lucia Minutello, Kirbj Coppola.
L’iniziativa è aperta a tutti e gratuita.

“Dal racconto la bellezza” prevede lo sviluppo e la valorizzazione delle peculiarità dei territori attraverso un approccio innovativo al turismo e una nuova terminologia. In particolare, i consueti itinerari turistici diventano viaggi, durante i quali il narratore è l’Ulivo, simbolo del Salento e testimone nel tempo delle storie immateriali della gente comune; i viaggiatori sarannoesploratori, alberi che ricercano nel viaggio le proprie radici da connettere con quelle delle comunità che si stanno esplorando.

Gli attori, danzatori, musicisti, cantanti e performer della “Compagnia Liquilab” metteranno in scena rappresentazioni e narrazioni, frutto del recupero della ricerca antropologica. Leggende e credenze popolari, miti e riti, usi e costumilavoro artigianale, paesaggio e beni culturali, attrezzi e oggetti popolari saranno gli argomenti al centro delle storie, perché gli esploratori possano entrare in contatto diretto con le tradizioni, le peculiarità e i tempi di una comunità.

Il progetto ha il Patrocinio di: Assessorato all’Industria Turistica e Culturale - Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali della Regione Puglia; PugliaPromozione; Città di Tricase; Comune di Castrignano del Capo; Comune di Castro; Comune di Otranto.


Staff
Ornella Ricchiuto, Responsabile di progetto e Direzione antropologica;
Ippolito Chiarello, Direzione artistica;
Eugenio Imbriani, Docente di Antropologia Culturale dell'Università del Salento;
Giuseppe Ricchiuto, Responsabile Relazioni Pubbliche e Logiche di Rete.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata