Passa ai contenuti principali

CONFINDUSTRIA LECCE SU ATTENTATO AD AZIENDA MELLO DI CARMIANO

"E' davvero assurdo quanto accaduto, sono sconcertato e preoccupato. Esprimo
solidarietà all'azienda di Lucio Mello, vittima dell'attentato di questa
notte a Carmiano, a TAP e all'impresa edile Mello di Monteroni, da alcuni
giorni vittima anch'essa di atti intimidatori e vandalici, perché
erroneamente messa in relazione con TAP per un caso di omonimia". Commenta
così il presidente di Confindustria Lecce, Giancarlo Negro, il lancio di una
bottiglia incendiaria da parte di ignoti la notte scorsa all'interno della


recinzione dell'azienda "Lucio Mello" di Carmiano, una delle imprese che sta
eseguendo alcuni lavori per il gasdotto Tap.
Il presidente continua poi dicendo: "La protesta, che doveva essere
pacifica, sta assumendo connotati preoccupanti, che vanno condannati senza
se e senza ma. Non si può colpevolizzare un'impresa che lavora
legittimamente e dà lavoro sul territorio, perché non si condivide l'opera
per cui viene prestato. Si è superato davvero ogni limite.  Auspico che le
Forze dell'Ordine intervengano per garantire la sicurezza sul nostro
territorio e che si spenga la polemica su TAP una volta per tutte, tanto per
il bene delle imprese e per un sereno sviluppo del territorio". 

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata