Passa ai contenuti principali
Bari, 23/05/2017 – Diminuiscono ancora i finanziamenti alle aziende. In particolare, nei confronti di quelle di minori dimensioni. Le aziende con meno di 20 addetti, pur rappresentando la stragrande maggioranza del sistema produttivo pugliese, risultano le più penalizzate dagli istituti di credito.
Sul totale dei prestiti erogati in Puglia (19,8 miliardi), alle micro e piccole imprese sono stati concessi meno di 5 miliardi e mezzo di euro, contro i 14,3 miliardi erogati a quelle con almeno 20 addetti. Rappresentano meno di un terzo. Per la precisione, appena il 27,7 per cento.

Secondo Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia: “il problema dell’accesso al credito è sicuramente uno dei più sentiti dai piccoli imprenditori. La serie storica elaborata dal nostro Centro Studi mette bene in evidenza che, sebbene già nel periodo pre-crisi i livelli di attenzione a questa parte – peraltro largamente maggioritaria – del nostro tessuto produttivo non fosse particolarmente elevata, lo stock percentuale di finanziamenti si è andato via via assottigliando.
Non sono poche le imprese sane che hanno dovuto chiudere bottega in questi anni solo perché ritenute “non bancabili”: imprese a cui sarebbe bastato un piccolo aiuto per restare a galla. E la situazione continua ad essere paradossale perché, ad oggi, sono tantissimi i “piccoli” che esprimono la necessità di investire e finanziarsi, proprio per provare a cogliere le opportunità di crescita che mercato globale, nuove economie e innovazione tecnologica offrono.
Diventano pertanto essenziali quegli strumenti di mutualità che hanno consentito ai piccoli imprenditori di accedere ai prestiti pur a fronte di condizioni di ingresso ai limiti del tollerabile. Il riferimento – spiega Sgherza – è ai Consorzi Fidi ma anche a tutti quegli strumenti di finanza agevolata e fatta “su misura” della piccola impresa che caratterizzano la galassia dei nostri servizi, come quelli erogati da Artigiancassa. Ricordiamo inoltre l’importanza della rete delle BCC che – fa notare il Presidente – è fondamentale nel mantenere un presidio creditizio di livello territoriale a favore delle imprese locali.
Tuttavia, per provare davvero ad invertire la marcia è fondamentale procedere al completamento delle nuove regole del Fondo centrale di garanzia e adottare, nei prossimi mesi, la norma che attua la legge delega di riforma dei Confidi.
Ciò nondimeno – ha concluso Sgherza – si può agire anche alla fonte, ossia riducendo il fabbisogno di credito delle piccole imprese, magari consentendo la compensazione diretta e universale tra debiti e crediti delle imprese verso la Pubblica amministrazione: una misura di cui Confartigianato da lungo tempo chiede l’adozione”.
data
finanziamenti alle imprese della Puglia con almeno 20 addetti *
finanziamenti alle imprese della Puglia con meno di 20 addetti *
Totale impieghi

% sul totale dei finanziamenti con meno di 20 addetti


28/02/2017
14.325.883
5.490.768
19.816.651

27,7%
31/01/2017
14.261.075
5.496.317
19.757.392

27,8%
31/12/2016
14.325.852
5.486.627
19.812.479

27,7%
30/11/2016
14.807.832
5.579.480
20.387.312

27,4%
31/10/2016
14.681.563
5.549.430
20.230.993

27,4%
30/09/2016
14.621.365
5.578.514
20.199.879

27,6%
31/08/2016
14.606.046
5.570.907
20.176.953

27,6%
31/07/2016
14.678.607
5.580.532
20.259.139

27,5%
30/06/2016
14.714.945
5.665.597
20.380.542

27,8%
31/05/2016
14.880.382
5.685.188
20.565.570

27,6%
30/04/2016
14.897.081
5.673.106
20.570.187

27,6%
31/03/2016
14.988.499
5.753.221
20.741.720

27,7%
29/02/2016
14.927.060
5.757.076
20.684.136

27,8%
31/01/2016
14.965.529
5.750.111
20.715.640

27,8%
31/12/2015
15.041.325
5.813.291
20.854.616

27,9%
30/11/2015
15.393.136
5.859.555
21.252.691

27,6%
31/10/2015
15.278.306
5.836.945
21.115.251

27,6%
30/09/2015
15.310.298
5.903.454
21.213.752

27,8%
31/08/2015
15.223.364
5.893.634
21.116.998

27,9%
31/07/2015
15.391.929
5.950.432
21.342.361

27,9%
30/06/2015
15.345.890
6.013.199
21.359.089

28,2%
31/05/2015
15.563.242
5.916.824
21.480.066

27,5%
30/04/2015
15.663.278
5.976.436
21.639.714

27,6%
31/03/2015
15.776.791
6.031.882
21.808.673

27,7%
28/02/2015
15.694.618
6.044.411
21.739.029

27,8%
31/01/2015
15.747.033
6.087.677
21.834.710

27,9%
31/12/2014
15.858.710
6.157.189
22.015.899

28,0%
30/11/2014
16.237.722
6.149.226
22.386.948

27,5%
31/10/2014
16.209.789
6.158.213
22.368.002

27,5%
30/09/2014
16.339.714
6.221.353
22.561.067

27,6%
31/08/2014
16.376.700
6.181.588
22.558.288

27,4%
31/07/2014
16.512.753
6.255.247
22.768.000

27,5%
30/06/2014
16.411.781
6.273.728
22.685.509

27,7%
31/05/2014
16.379.344
6.254.921
22.634.265

27,6%
30/04/2014
16.528.649
6.352.503
22.881.152

27,8%
31/03/2014
16.760.341
6.450.493
23.210.834

27,8%
28/02/2014
16.852.047
6.466.896
23.318.943

27,7%
31/01/2014
16.989.207
6.497.297
23.486.504

27,7%
31/12/2013
16.581.525
6.466.805
23.048.330

28,1%
30/11/2013
16.687.336
6.478.248
23.165.584

28,0%
31/10/2013
16.893.907
6.560.536
23.454.443

28,0%
30/09/2013
17.063.923
6.575.061
23.638.984

27,8%
31/08/2013
17.122.744
6.537.524
23.660.268

27,6%
31/07/2013
17.350.802
6.594.461
23.945.263

27,5%
30/06/2013
17.260.059
6.639.239
23.899.298

27,8%
31/05/2013
17.577.365
6.696.779
24.274.144

27,6%
30/04/2013
17.669.835
6.693.630
24.363.465

27,5%
31/03/2013
17.877.670
6.676.486
24.554.156

27,2%
28/02/2013
17.905.509
6.768.076
24.673.585

27,4%
31/01/2013
18.161.619
6.822.076
24.983.695

27,3%
31/12/2012
18.164.606
6.865.556
25.030.162

27,4%
30/11/2012
18.265.615
6.935.725
25.201.340

27,5%
31/10/2012
18.362.604
6.954.985
25.317.589

27,5%
30/09/2012
18.330.040
6.941.920
25.271.960

27,5%
31/08/2012
18.196.003
6.977.311
25.173.314

27,7%
31/07/2012
18.317.085
7.003.378
25.320.463

27,7%
30/06/2012
18.291.098
7.054.731
25.345.829

27,8%
31/05/2012
18.250.364
7.078.640
25.329.004

27,9%
30/04/2012
18.262.406
7.097.833
25.360.239

28,0%
31/03/2012
18.390.166
7.098.443
25.488.609

27,8%
29/02/2012
18.471.831
7.139.716
25.611.547

27,9%
31/01/2012
18.644.551
7.166.941
25.811.492

27,8%
31/12/2011
18.624.434
7.136.855
25.761.289

27,7%
30/11/2011
18.953.931
7.252.795
26.206.726

27,7%
31/10/2011
18.895.679
7.208.817
26.104.496

27,6%
30/09/2011
18.960.973
7.229.291
26.190.264

27,6%
31/08/2011
18.731.416
7.202.356
25.933.772

27,8%
31/07/2011
18.643.785
7.193.941
25.837.726

27,8%
30/06/2011
18.555.972
7.256.195
25.812.167

28,1%
31/05/2011
18.258.505
7.223.699
25.482.204

28,3%
30/04/2011
18.171.959
7.185.980
25.357.939

28,3%
31/03/2011
18.164.257
7.261.627
25.425.884

28,6%
28/02/2011
18.197.562
7.236.561
25.434.123

28,5%
31/01/2011
18.077.791
7.201.839
25.279.630

28,5%
31/12/2010
17.907.230
7.235.709
25.142.939

28,8%
30/11/2010
18.020.534
7.161.060
25.181.594

28,4%
31/10/2010
17.567.240
7.137.128
24.704.368

28,9%
30/09/2010
17.549.024
7.205.263
24.754.287

29,1%
31/08/2010
17.323.492
7.058.273
24.381.765

28,9%
31/07/2010
17.247.519
7.039.721
24.287.240

29,0%
30/06/2010
17.282.749
7.049.140
24.331.889

29,0%
31/05/2010
16.892.452
6.842.522
23.734.974

28,8%
30/04/2010
16.901.168
6.852.727
23.753.895

28,8%
31/03/2010
16.906.213
6.908.890
23.815.103

29,0%
28/02/2010
16.860.822
6.935.309
23.796.131

29,1%
31/01/2010
16.842.331
6.899.083
23.741.414

29,1%
31/12/2009
16.712.527
6.898.606
23.611.133

29,2%
30/11/2009
16.717.824
6.942.765
23.660.589

29,3%
31/10/2009
16.532.370
6.910.616
23.442.986

29,5%
30/09/2009
16.508.410
6.951.074
23.459.484

29,6%
31/08/2009
16.412.407
6.930.000
23.342.407

29,7%
31/07/2009
16.443.742
6.942.096
23.385.838

29,7%
30/06/2009
16.279.560
6.974.977
23.254.537

30,0%
31/05/2009
16.235.210
6.969.170
23.204.380

30,0%
30/04/2009
16.311.111
6.963.088
23.274.199

29,9%
31/03/2009
16.322.204
6.964.486
23.286.690

29,9%
28/02/2009
16.348.164
6.959.121
23.307.285

29,9%
31/01/2009
16.355.899
6.945.550
23.301.449

29,8%
31/12/2008
16.359.094
6.953.797
23.312.891

29,8%
30/11/2008
16.327.446
6.946.117
23.273.563

29,8%
31/10/2008
16.210.309
6.947.859
23.158.168

30,0%
30/09/2008
16.183.268
6.898.154
23.081.422

29,9%
31/08/2008
16.132.062
6.858.912
22.990.974

29,8%
31/07/2008
16.053.155
6.982.463
23.035.618

30,3%
30/06/2008
15.812.636
6.950.427
22.763.063

30,5%
31/05/2008
15.699.016
6.852.405
22.551.421

30,4%
30/04/2008
15.708.169
6.873.174
22.581.343

30,4%
31/03/2008
15.498.106
6.861.964
22.360.070

30,7%
29/02/2008
15.402.240
6.937.385
22.339.625

31,1%
31/01/2008
15.180.914
6.904.447
22.085.361

31,3%
31/12/2007
15.115.778
6.843.914
21.959.692

31,2%


* valori in migliaia

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Ottobre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa