Passa ai contenuti principali

BARBAGALLO: "BENESSERE LAVORATIVO E RIDUZIONE DELL'ORARIO DI LAVORO PER AUMENTO PRODUTTIVITÀ E INDUSTRIA 4.0"

"L'industria 4.0 genererà sviluppo ma, paradossalmente, potrà causare una drastica riduzione dell'occupazione: a quel punto, sarà meglio redistribuire il lavoro piuttosto che sussidi o assistenza. Ecco perché sarà bene cominciare a pensare a una riduzione dell'orario di lavoro". È quanto ha dichiarato il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, nel corso di una tavola rotonda sui temi della formazione, che si è svolta questa mattina, a Lecce, nell'ambito della "Settimana del Lavoro" organizzata dall'Università del Salento. "L'Università - ha sottolineato il Segretario della Uil - ha un ruolo
fondamentale in questa delicata fase di trasformazione. L'offerta formativa deve tenere conto dell'impellente necessità di riqualificazione, ma anche delle vocazioni del territorio, per evitare la migrazione dei nostri giovani ai quali non possiamo offrire solo la prospettiva del trasferimento all'estero. Scuola, formazione e lavoro devono essere fortemente interconnessi per superare il problema dell'incontro tra domanda e offerta. A questo proposito, potrebbe essere utile la creazione di una tessera elettronica, sul modello di quella sanitaria, che raccolga tutto il percorso formativo e le attitudini dello studente. Nel nostro Paese, però - ha proseguito Barbagallo - non c'è solo un problema di scarsa occupazione, ma anche di scarsa produttività derivante dalla mancanza del benessere lavorativo. Le cosiddette "aziende belle" hanno visto accrescere la loro produttività sino al 40% ed è questa la strada da percorrere se vogliamo vincere la sfida della competitività". 


Lecce, 8 maggio 2017

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 21 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa