Passa ai contenuti principali

VIAGGIO LENTO NEL SALENTO, UN PERCORSO A PIEDI TRA MAGIA E MISTERO

Penultimo appuntamento domani, venerdì 28 aprile, con il venerdì da… I Volatori, una rassegna letteraria di cinque appuntamenti nella saletta verde della libreria I Volatori di via Pellettieri. Emanuela Rossi, biologa e biospeleologa, presenterà alle ore 18:30 Viaggio lento nel Salento (Pacilli editore), un viaggio attraverso la provincia di Lecce, magica e misteriosa, tra megaliti, pietre, mare, ulivi, sapori e rituali. Dialogherà con l’autrice Antonietta Martignano.

Il libro permette al lettore di immergersi nel Salento profondo, forse anche quello meno raccontato, di grande suggestione e di grande ricchezza cultuale e gastronomica. È un viaggio che parte da Otranto e ritorna ad Otranto. Qui l’uomo e il mare si incontrano più volte e si allontanano, cercando nell’entroterra otrantino storie e testimonianze che vengono da lontano. Megaliti e cappelle, storia e preistoria, grotte, misteri e pietre che parlano, sono le tappe di questo andare lento ma inarrestabile, sul tracciato delle “Tavole di san Giuseppe”, un culto, un rituale, una festa, con cui gli abitanti di questa terra celebrano imbandendo, con i sapori della tradizione, grandi tavolate all’aperto a disposizione dei “santi” e di chiunque voglia onorarli.
La rassegna è una iniziativa di Archeoclub Terra d’Arneo e della libreria I Volatori in collaborazione con il Comune di Nardò e proseguirà venerdì 5 maggio con l’ultimo appuntamento in cartellone.
Ufficio Stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata