Passa ai contenuti principali

TAP, DONNO (M5S): POZZO INQUINATO, GASDOTTO INQUINATO

Roma, 5.04.2017 - "Sulla TAP la nebbia si fa sempre più fitta: scopriamo che il terreno scelto per ospitare gli ulivi espiantati ha un pozzo inquinato come certificato dall'Arpa". Lo afferma in una nota la senatrice salentina del M5s Daniela Donno Capogruppo in Commissione agricoltura che ha presentato una interrogazione ai ministri dell'Agricoltura, dell'Ambiente e dello Sviluppo economico.
"La denuncia a mezzo stampa arrivata dal comitato No Tap ha costretto il country manager della multinazionale a dichiarare che per l'irrigazione useranno le autobotti - prosegue la senatrice -. Quale
garanzia abbiamo che TAP proceda rispettando le prescrizioni previste dalla normativa vigente, e riguardanti il trattamento degli ulivi espiantati?"
"Vogliamo inoltre sapere se l'utilizzo di autobotti nell'area di cantiere TAP sia stato previsto dal Piano di gestione degli ulivi, e se la multinazionale rispetti i protocolli riguardanti il prelievo da altro sito e il trasporto verso l'area di stoccaggio, nonché quali eventuali costi aggiuntivi e aggravi comportino. Non da ultimo, il dubbio se la presenza di un pozzo inquinato nell'area costituisca un ulteriore elemento inficiante l'iter di realizzazione del gasdotto".


Link interrogazione: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=1011844

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata