Passa ai contenuti principali

TAP, DONNO (M5S): POZZO INQUINATO, GASDOTTO INQUINATO

Roma, 5.04.2017 - "Sulla TAP la nebbia si fa sempre più fitta: scopriamo che il terreno scelto per ospitare gli ulivi espiantati ha un pozzo inquinato come certificato dall'Arpa". Lo afferma in una nota la senatrice salentina del M5s Daniela Donno Capogruppo in Commissione agricoltura che ha presentato una interrogazione ai ministri dell'Agricoltura, dell'Ambiente e dello Sviluppo economico.
"La denuncia a mezzo stampa arrivata dal comitato No Tap ha costretto il country manager della multinazionale a dichiarare che per l'irrigazione useranno le autobotti - prosegue la senatrice -. Quale
garanzia abbiamo che TAP proceda rispettando le prescrizioni previste dalla normativa vigente, e riguardanti il trattamento degli ulivi espiantati?"
"Vogliamo inoltre sapere se l'utilizzo di autobotti nell'area di cantiere TAP sia stato previsto dal Piano di gestione degli ulivi, e se la multinazionale rispetti i protocolli riguardanti il prelievo da altro sito e il trasporto verso l'area di stoccaggio, nonché quali eventuali costi aggiuntivi e aggravi comportino. Non da ultimo, il dubbio se la presenza di un pozzo inquinato nell'area costituisca un ulteriore elemento inficiante l'iter di realizzazione del gasdotto".


Link interrogazione: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=1011844

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Ottobre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa