Passa ai contenuti principali

“Spaghetti Bridge Competition”

Tutto pronto per la nuova edizione della “Spaghetti Bridge Competition”, la spettacolare gara tra ponti fatti di pasta organizzata all’Università del Salento dal professor Giorgio Zavarise, ordinario di Scienza delle costruzioni. C’è tempo fino al 24 marzo 2017 per iscriversi singolarmente o in gruppi di al massimo tre persone: la gara è aperta agli studenti dell’Università del Salento e agli studenti di altre Università italiane e, con graduatoria a parte, a laureati in Ingegneria UniSalento, dottorandi, assegnisti, collaboratori a vario titolo oppure liberi professionisti.


Come per le precedenti edizioni, scopo della competizione è costruire un modello in scala di un ponte di un metro di lunghezza utilizzando soltanto comune pasta (tipicamente spaghetti o bucatini) e colla a caldo o resina epossidica. I ponti così realizzati verranno sottoposti a un carico via via crescente, fino a completa rottura. «Sembra un gioco, ma in realtà è un modo estremamente efficace per far comprendere agli allievi ingegneri il comportamento delle strutture», sottolinea il professor Zavarise.
Le “prove di carico” si svolgeranno il 5 aprile a partire dalle ore 9 presso la Facoltà di Ingegneria, nell’aula Y1 dell’edificio “Angelo Rizzo” (complesso Ecotekne, via per Monteroni, Lecce).

L’iniziativa riscuote successo fin dalla prima edizione, nel marzo 2013, quando fu una delle prime in Italia di questo genere. A partire dalla seconda edizione, con l’obiettivo di diventare di riferimento a livello nazionale, la partecipazione è stata aperta agli studenti di tutte le Università italiane e anche ai laureati in Ingegneria all’Università del Salento (con graduatoria a parte).

Anche quest’anno, inoltre, si rinnova la tradizionale sponsorizzazione del Pastificio Granoro: l’azienda, oltre al sostegno economico per le premiazioni, su proposta del professor Zavarise offrirà in beneficienza un chilo di pasta per ogni chilo di resistenza dei ponti. La donazione sarà destinata a due enti benefici del territorio: la “Comunità Emmanuel” di Lecce e la Mensa gestita dalle Figlie della Carità in collaborazione con il Volontariato Vincenziano. «Si tratta di un piccolo gesto, ma molto significativo», conclude Zavarise, «a testimonianza del fatto che anche per gli studenti l’Università non si riduce ai soli esami, ma è una scuola di vita per le nuove generazioni a beneficio del futuro del territorio».

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Ottobre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa