Passa ai contenuti principali

Salento Rugby, ospite dei Falchi di Santeramo in Colle

Tredicesima giornata di Serie C Girone 2 archiviata con una vittoria dei tarantati. Il Salento Rugby, ospite dei Falchi di Santeramo in Colle, espugnano il “Peppino Casone” grazie ad un secondo tempo giocato con determinazione. Formazione sperimentale quella schierata da Coach Alberto Follo che, oltre a dover fare a meno degli indisponibili Gravina, Mancarella, Manta, Rago, Signore e Zilli, lascia in panchina Calavita e Nestola non al top della condizione.

Il forte vento condiziona le giocate e i calci di spostamento ma proprio da una punizione arriva il vantaggio dei salentini grazie al piede di Capitan Ivano Abbate al quinto minuto di gioco. Solo dieci minuti più tardi, una rimessa laterale giocata nella metà campo santermana, che vedeva in difesa il Salento Rugby, si trasforma in una ghiotta occasione per Ortenzio Orlandino che schiaccia in meta. Il capitano tarantato trasforma, ma sarà l’ultima soddisfazione dalla piazzola.
La reazione dei Falchi Santeramo è veemente e, prima dello scadere della prima frazione di gioco, schiacciano in meta per ben due volte trasformandone solo una e portandosi sull’inaspettato punteggio di 12 a 10. I salentini, che nel 2017 non avevano mai chiuso il primo tempo in svantaggio, rispondono subito trattenendo Cristiano in panchina e riassettando la mischia con l’ingresso di Calavita. Anche Orlandino è costretto a lasciare il terreno di gioco per infortunio, al suo posto Michele Nestola si posiziona insolitamente a terza centro.
Un Salento Rugby rinvigorito dai cambi e agevolato dalla superiorità numerica che l’attento direttore di gara Sig. Matteo Tarantino concede, a causa delle ripetute infrazioni di gioco della squadra di casa, va in meta prima con Ricciato (7’ s.t.) poi con Maci (20’ s.t.) e raggiunge il bonus con Carlà (25’ s.t.)  fissando il punteggio sul 12 a 25 prima della consueta girandola di cambi disposta dall’allenatore beneventano. Al trentesimo anche i salentini restano in 14 per l’ammonizione di Domenico Ricciato. Nel finale c’è posto per l’esordiente Riccardo Perrone prima della meta di Capitan Ivano Abbate che sancisce la fine del match sul risultato di 12 a 30 con cinque mete per i tarantati.
Un non pienamente soddisfatto Coach Alberto Follo dichiara:« È stata una partita dai due volti. Al di la delle assenze che dovevamo fronteggiare, avevo paura di una calo di concentrazione dei miei dopo la vittoria con il Potenza e la settimana di pausa dal campionato che, come al solito, è deleteria. Per fortuna, nel secondo tempo, ho visto i miei giocatori più vogliosi e la partita è andata in discesa – l’allenatore beneventano continua – abbiamo affrontato una squadra che ha lottato senza nessun timore, complimenti a loro ma anche al Signor Tarantino che ha condotto un’ottima partita. Ora testa e cuore a Taranto per conquistare ciò che ci spetta».
Il Salento Rugby continua così la sua corsa verso il titolo ad una giornata dalla fine. La rinuncia del Granata Rugby Club ad affrontare il match in casa del Potenza tiene ancora aperto il Campionato; decisivo sarà l’incontro dello “Iacovone”, domenica 23 aprile, con l’Amatori Rugby Taranto.

Formazione Salento Rugby: 15. Maci, 14. Carlà (26’s.t. Francavilla), 13. Ricciato, 12. Margari (35’s.t. Serafino), 11. Tramacere (24’s.t. Fina), 10. Gomini, 9. Abbate, 8. Tardio, 7. Panarelli (30’s.t. Mazzotta), 6. Calò, 5. Cristiano (1’s.t. Calavita), 4. Orlandino (7’s.t. Nestola), 3. De Bello (34’s.t. Perrone), 2. Conforti, 1. Brogno

RisultatiPanthers - Am. Taranto 3-48 (0-8)
Falchi - Salento 12-30 (2-5)
Draghi BAT - Kheiron 43-3 (6-0)
Potenza - Granata N.D. (Rinuncia Granata)

Classifica: Salento Rugby* pt. 57, Potenza* pt. 54, Rugby Club Granata*** pt. 31, Draghi BAT pt. 30, Falchi** pt. 23, Taranto* pt. 23, Kheiron pt. 19, Panthers pt. 1
* 4 punti di penalizzazione per non aver ottemperato all’obbligatorietà giovanile
** 4 punti di penalizzazione come comunicato C2/09/GST
*** 4 punti di penalità per rinuncia al match del 13° turno

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 24 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa