Passa ai contenuti principali

LIZZANELLO (LE) E TARI: M5S INCALZA GIUNTA PEDONE

Lecce, 28.04.2017 - Continua a far parlare la vicenda legata al bilancio e al piano finanziario TARI del Comune di Lizzanello (Le). Da più parti, infatti, ivi compresa la minoranza consiliare, sono state sollevate gravi irregolarità di calcolo e di natura tecnica sull'applicazione delle tariffe sulla spazzatura, con inaccettabili aumenti gravanti sulla comunità locale.

Come se non bastasse, sono stati inoltre rilevati dei difetti di competenza legati all'approvazione del bilancio comunale contenente previsioni di spesa di atti transattivi del Comune di Lizzanello a favore della ditta Monteco S.r.l. - che si occupa dei servizi di spazzamento delle reti stradali urbane e delle aree pubbliche - e della ditta SFL Scarl (già Supernova Scarl), relativamente al servizio di trasporto degli alunni delle scuole del Comune di Lizzanello e vari altri servizi.
Al riguardo, sulla scia di un'intensa attività iniziata dal Consigliere Comunale di minoranza di Lizzanello/Merine Antonio Parlangeli (M5S), è intervenuta la Senatrice salentina Daniela Donno, con la presentazione di un'interrogazione indirizzata ai Ministri dell'interno e per la semplificazione e la pubblica amministrazione.
"È necessario che gli organi ed Enti locali competenti dispongano, con immediata esecutività, lo svolgimento di tutti i comportamenti e le azioni necessarie al ripristino della situazione di diritto relativamente all’approvazione delle transazioni con le ditte Monteco e SFL Scarl, ivi compreso l'annullamento in autotutela della deliberazione del Consiglio Comunale contenente l'approvazione del bilancio. Va poi fatta chiarezza sull'intera vicenda, accertando la presenza di eventuali irregolarità poste in essere da parte dell'Amministrazione locale" afferma Donno.
"La nostra azione prosegue dritta all'obiettivo. Al proposito, lo scorso 26 aprile, ho inviato una missiva al Prefetto di Lecce chiedendo la sua disponibilità ad un incontro da svolgersi insieme al Consigliere comunale del M5S di Lizzanello/Merine, Antonio Parlangeli, direttamente interessato alla questione. In questo delicato momento, è fondamentale individuare ogni condivisibile soluzione a favore della collettività e, qualora vi siano le condizioni, istituire un tavolo tecnico tra le parti convolte" prosegue la pentastellata Donno.
Sulla vicenda, Antonio Parlangeli (M5S), Consigliere Comunale di minoranza di Lizzanello/Merine, aggiunge: "il Sindaco, in Consiglio Comunale, ha dichiarato che la responsabilità va imputata alle vecchie amministrazioni, ma i 3 sindaci delle ultime legislature, presenti in maggioranza, non hanno contestato questa dichiarazione. È forse una tacita ammissione di colpe? Come Consigliere del M5S non riconosco legittimo il comportamento della giunta Pedone, gli schemi di transazione non possono superare 3 esercizi, oltretutto devono necessariamente essere approvati in Consiglio Comunale. Esigiamo che trasparenza, legalità e coerenza siano, senza se e senza ma, prerogative essenziali per questa amministrazione".
Link interrogazione: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=1021622



Daniela Donno
Vice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata