Passa ai contenuti principali

Galatina Roberta Forte Piano Economico Finanziario aumentato di circa il 27% rispetto al precedente approvato lo scorso maggio

Son bastati appena dieci mesi di assenza di accorte politiche sulla gestione dei rifiuti per
ritrovarsi con un Piano Economico Finanziario aumentato di circa il 27% rispetto al
precedente approvato lo scorso maggio.
Questo è quanto accade quando la Politica si lascia sostituire dalla burocrazia che con un

mero approccio matematico esegue una semplice sommatoria di costi da caricare sui
cittadini e le aziende, rimanendo assolutamente indifferente alle difficoltà prodotte da un
aumento esponenziale della tariffa.
Un approccio privo di una visione di sistema sul mondo dei rifiuti che ignora, incapace di
cercare e adottare soluzioni per compensare l’inevitabile aumento dei costi prodotto dallo
strapotere dell’oligarchia dei gestori degli impianti.
Per ben quattro anni, la massima attenzione e competenza sull’intero sistema di gestione
dei rifiuti, garantite dall’altissima professionalità di una rete di soggetti, prima tra tutti l’ing.
Maria Grazia Gnoni insieme a tantissimi operatori del settore, ci ha consentito di migliorare il
sistema della raccolta differenziata innalzandone il livello sino al 60%, producendo ogni anno
notevoli guadagni e risparmi, che ci hanno sempre garantito la integrale compensazione dei
costi degli impianti in costante aumento.
Per quattro anni, infatti, in controtendenza con la maggiorparte degli altri paesi della
Provincia, siamo riusciti a mantenere invariata la tariffa pagata dagli utenti.
Non solo, ma siamo riusciti a ridurre di circa 20 € a componente familiare, la tariffa di coloro
che avevano aderito al compostaggio domestico.
Oggi siamo costretti ad assistere alla vanificazione di tutti questi sforzi per la mancata
adozione di strategie che implementino guadagni e risparmi sulla differenziata.
Non solo.
Il Commissario Prefettizio ha accettato senza obiezioni la ingiusta ed illegittima
prospettazione di spalmare su tutti i cittadini le somme che gli uffici in questi anni non sono
riusciti a riscuotere da chi ha scelto di non pagare la tariffa.
Questa scelta che fu la causa delle mie dimissioni lo scorso anno, grazie alle quali si riuscì
ad evitare questa ghigliottina sulla testa dei cittadini onesti, è stata riproposta ed accettata
quest’anno, sommandone gli effetti nefasti all’aumento dei costi, che non si è fatto nulla per
contenere.
Continuerò a profondere tutto il mio impegno per annullare, se e per quanto possibile, un
Piano Economico Finanziario inaccettabile, che mette in ginocchio le utenze domestiche e
strangola quelle commerciali, rendendone insostenibile il peso.
Non si può più continuare a governare contro i cittadini, se ci si assume l’impegno di
governare si ha l’obbligo di cercare strategie che migliorino la vita dei cittadini o che la
rendano quantomeno sostenibile, altrimenti si ha il dovere di farsi da parte.

Roberta Forte

Commenti

Post popolari in questo blog

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa

News Video Galatina 28 Giugno 2017