Passa ai contenuti principali

“Dialoghi d’autore”

Nuovo appuntamento all’IISS “G. Salvemini” di Alessano (LE) per “Dialoghi d’autore”, progetto curato dalla professoressa Valeria Bisanti, in collaborazione con Michela Santoro della Libreria Idrusa, e nato con lo scopo di sensibilizzare gli studenti alla lettura di opere di autori contemporanei e di quelli dell’ultima generazione.
Protagonista del prossimo appuntamento sarà Elisabetta Rasy autrice del libro «Le regole del fuoco» (Rizzoli, 2016), finalista al premio Campiello, che dialogherà con gli alunni a partire dalle ore 11.00. Il libro è ambientato durante la Prima Guerra Mondiale. Racconta l’esperienza di Maria
Rosa una ragazza napoletana, proveniente da una famiglia agiata, che per sottrarsi a una madre dispotica e a un mondo fatto di convenzioni sociali insopportabili, decide di andare al fronte come infermiera. L’esperienza del conflitto è cruda ed atroce. Il sangue, le ferite, la sofferenza e la morte sono descritte senza enfasi: il risultato agghiacciante e terribile rende omaggio al lavoro che centinaia di donne riuscirono a condurre, tra bombardamenti ed epidemie, a fianco dei soldati, spazzando via ogni immagine convenzionale del sesso debole. Ma è l’incontro con Eugenia, proveniente da un paesino vicino al lago di Como, che non ha mai visto il mare, a far cambiare Maria Rosa. L’iniziale diffidenza tra le due diventa col passare dei giorni ammirazione, poi affetto, poi amore trepido e delicato, un sussulto di emozioni, «un sospiro sottile nel buio». 
“Un incontro che si preannuncia interessante - osserva la Dirigente prof.ssa Chiara Vantaggiato - per i nostri ragazzi perché nelle pagine del romanzo c’è molta storia vissuta e subita, la vicinanza alla morte delle trincee, i ripiegamenti, la rotta di Caporetto, le nuove armi, la psicologia dell’esercito italiano, lo stato della medicina e delle cure da portare ai feriti, la spaventosa epidemia della «spagnola» che finì per mietere milioni di vittime”.
Del resto in una nota che conclude il libro Elisabetta Rasy scrive: «Questa storia è stata ispirata da antichi ricordi ma anche dalla lettura di molti diari delle infermiere volontarie della Grande Guerra. Attraverso le loro voci mi sono documentata sulla vita, le difficoltà e lo speciale coraggio di queste donne in guerra. A loro va il mio pensiero riconoscente». Ma la storia intensa di Elisabetta Rasy, raccontata come un lungo monologo, - conclude la docente Valeria Bisanti - è anche la storia di una formazione e di un rito di passaggio, di una emancipazione femminile duramente conquistata: quella determinazione forgiata sotto le bombe, in una situazione estrema servirà per dare forza, coraggio, indipendenza alla protagonista che, munita di una Kodak, deciderà di vivere la propria vita senza rimorsi, senza rimpianti, fuori dai binari che altri hanno costruito per lei.
Sempre sabato 22 aprile ad Alessano, alle ore 19,00, presso l’Hotel Colibrì (via Boceti 1), Elisabetta Rasy, all’interno della Rassegna “Aspettando… Armonia. I luoghi del gusto” presenterà “Le regole del fuoco” con la partecipazione di Valeria Bisanti ed Ada Facchini.


Biografia
Elisabetta Rasy, giornalista e scrittrice, è nata a Roma dove vive e lavora. Ha esordito nel 1985 con il romanzo La prima estasi; tra i suoi romanzi ricordiamo Ritratti di signora (Rizzoli 1995, finalista allo Strega), Posillipo (Rizzoli 1998, premio selezione Campiello), L’estranea (Rizzoli 2007) con cui ha vinto nel 2008 il Grinzane Cavour per la narrativa. Autrice di vari saggi di argomento letterario, molti dei quali dedicati alla scrittura femminile, ha scritto sul Corriere della Sera, La Stampa, Panorama. Attualmente collabora con l’inserto domenicale de Il Sole 24 Ore.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa