Passa ai contenuti principali

A MAURIZIO MAGLIO LA LAUREA DELL’ACCADEMIA DEI DIOSCURI

Il poeta e pittore neretino Maurizio Maglio riceverà a Roma domani, sabato 29 aprile, la Laurea Honoris Causa conferita dall’Accademia Internazionale dei Dioscuri “per aver contribuito a divulgare con grande successo la cultura dell’arte in Italia e all’estero”. La cerimonia si terrà alle ore 11 al centro congressi dell’Hotel Hermitage, in zona Parioli, e consisterà nella consegna all’artista di una targa e di una pregiatissima pergamena.
L’Accademia Internazionale dei Dioscuri è un’associazione cultuale che si occupa di arte, musica, cinema e sport e di promozione della cultura di queste discipline. Nel corso degli anni ha organizzato mostre d’arte, concerti, rassegne cinematografiche e manifestazioni sportive, e ha fondato Poseidon, un periodico culturale.
Maurizio Maglio è nato a Nardò nel 1967. Ha vissuto a lungo all’estero (Francia e Germania) con la sua famiglia, emigrata per lavoro. Ha preso per la prima volta in mano tele e colori all’età di 33 anni, scoprendo una passione e una vena artistica naif che hanno reso centrale la pittura negli ultimi anni della sua vita. Nel frattempo è maturata anche la passione per la scrittura e la poesia, apprezzabile e apprezzata almeno quanto quella per l’arte pittorica. Lo scorso settembre ha vinto lo Spoleto Art Festival nella sezione “letteratura” con la poesia Gli angeli.
Maurizio Maglio è una bella risorsa di questa città - commenta il presidente della commissione Cultura Gianluca Fedele - un artista e un talento poliedrico che seguiamo e a cui non faremo mancare il sostegno dell’amministrazione comunale e dei neretini. Gli faccio i complimenti per questo prezioso riconoscimento, l’ultimo di una carriera artistica iniziata tardi, ma già costellata di soddisfazioni”.
Ufficio Stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata