Passa ai contenuti principali

XYLELLA: COLDIRETTI PUGLIA, TRATTORI IN MARCIA CONTRO RISCHIO ESTINZIONE ULIVI; DOMANI 18/03 A LECCE TUTTE LE TAPPE DEL DISSECCAMENTO

Sin dalle prime luci dell’alba partirà la lunga marcia dei trattori contro il rischio estinzione che gli ulivi e l’olivicoltura pugliesi stanno correndo. Domani sabato 18 marzo, i due cortei di agricoltori a bordo dei trattori, uno proveniente dal piazzale dello Stadio e l’altro dalla Statale 16, si incroceranno alle ore 9,00 circa in Viale Giacomo Leopardi per, poi, raggiungere alle ore 9,30 l’ex Foro Boario (Piazza Carmelo Bene), per partecipare al grande incontro pubblico presso l’Hotel Tiziano.


Era l’ottobre del 2012 quando fu data la prima segnalazione da Parabita di anomali disseccamenti su un appezzamento di olivo, i primi sintomi della Xyella fastidiosa, una lunga agonia che, oltre a seccare gli alberi prima a Lecce e, poi, a Taranto e a Brindisi, ha profondamente cambiato il tessuto economico e sociale pugliese.

Delle tappe di questa complicata quanto virale vicenda, dei ritardi, delle omissioni e, soprattutto, delle misure urgenti da attivare per salvare l’olivicoltura pugliese si parlerà domani, sabato 18 marzo 2017, alle ore 10,30, presso l’Hotel Tiziano a Lecce.

Parteciperanno i Presidenti di Coldiretti Lecce, Bari, Foggia, Brindisi e Taranto, i rappresentanti delle cooperative olivicole pugliesi, dei vivaisti, delle istituzioni pugliesi.

Sarà il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a rispondere alle sollecitazioni del mondo agricolo, poste dal Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele.

Lecce, 17 marzo 2017

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata