Passa ai contenuti principali

Salento Rugby vince e convince: 16 mete ai Panthers!

Roboante vittoria degli uomini di coach Alberto Follo sul Campo Sportivo Comunale di Aradeo. Nell’undicesima giornata di Serie C Girone 2 i tarantati ospitano in casa il Panthers Rugby Team, fanalino di coda del campionato.
Parte subito bene il Salento Rugby che, un minuto dopo il calcio di invio fischiato dall’ottimo Signor Frontini di Lecce, vanno in meta con il nuovo arrivato Luigi Maci schierato ad estremo. Il calcio di trasformazione di Capitan Ivano Abbate centra i pali, per lui oggi 22 punti dalla piazzola su 13 tentativi. Prima della fine del primo tempo, i salentini, vanno in meta altre sette volte con Maci (3 mete), Tardio (3 mete) che festeggia alla grande i suoi 40 anni e Ricciato (1 meta).


Il secondo tempo riparte sul risultato di 52 a 0 per i padroni di casa con l’ingresso in campo di Gabriele Signore per Pio Panarelli. Un minuto più tardi è Domenico Ricciato a schiacciare in meta e poco dopo l’altra ala Carlà. Al sesto entra Gabriele Calò e coach Follo opera delle sostituzioni in vari ruoli. Nei successivi dieci minuti vanno in meta Margari (2 volte) e Gomini. Nel finale, con Capitan Abbate, viene lasciato libero il posto sulla piazzola e viene incaricato il giovane Federico Carlà che, sulle due mete di Calò e una di Tardio, ne trasforma 2 su 3. Il risultato finale è uno schiacciante 106 a 0 per i tarantati
.
Al termine del match coach Alberto Follo è pienamente soddisfatto della prestazione dei suoi uomini:« Nel briefing pre-partita ho chiesto ai ragazzi di giocare con calma e concentrazione, lo hanno fatto e sono molto contento. Abbiamo potuto riportare sul campo il lavoro che stiamo svolgendo in questi giorni di preparazione alla partita del 19 marzo con la capolista. Sono fiducioso, la squadra cresce sia dal punto di vista atletico e soprattutto mentale, e anche i numeri ci stanno dando ragione. Ringrazio i Panthers e la loro voglia di lottare per tutti gli 80 minuti e faccio loro un grande in bocca al lupo per il futuro».

Dopo la pausa per la quarta giornata del Sei Nazioni, il Salento Rugby tornerà in casa e ospiterà, il 19 marzo, il Potenza capolista per il match che vale una stagione.


Formazione: 15. Maci, 14. Carlà, 13. Gomini, 12. Margari, 11. Ricciato (9’ s.t. Tramacere), 10 Nestola (20’ s.t. Bruno), 9. Abbate (20’ s.t. Lia), 8. Tardio, 7. Panarelli (1’ s.t. Signore) , 6. Manta (20’ s.t. Cesari) , 5. De Bello (6’ s.t. Calò), 4. Orlandino (13’ s.t. Cristiano), 3. Brogno, 2. Calavita, 1. Conforti

Tabellino
Primo tempo:
1’ meta Maci trasf. Abbate, 6’ meta Maci trasf. Abbate, 9’ meta Tardio trasf. Abbate, 15’ meta Ricciato trasf. Abbate, 25’ meta Tardio trasf. Abbate, 29’ meta Maci trasf. Abbate, 34’ meta Tardio trasf. Abbate, 39’ meta Maci
Secondo tempo: 1’ meta Ricciato trasf. Abbate, 5’ meta Carlà trasf. Abbate, 9’ meta Margari trasf. Abbate, 14’ meta Gomini, 20’ meta Margari trasf. Abbate, 27’ meta Calò, 36’ meta Calò trasf. Carlà, 38’ meta Tardio trasf Carlà  

Serie C Girone 2
Risultati undicesima  giornata
Kheiron-Granata 14-12 (2-2)
Am.Taranto-Draghi 14-16 (2-2)
Salento-Panthers 106-0 (16-0)
Potenza-Falchi 59-5 (9-1)

Classifica: Potenza* pt. 49, Salento Rugby* pt. 47, Rugby Club Granata pt. 31, Draghi BAT pt. 24, Kheiron pt. 19, Falchi** pt. 18, Taranto* pt. 13, Panthers pt. 1
* 4 punti di penalizzazione per non aver ottemperato all’obbligatorietà giovanile
** 4 punti di penalizzazione come comunicato C2/09/GST

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata