Passa ai contenuti principali

Salento Rugby determinato e concentrato

Nel dodicesimo turno di Serie C Girone 2, a sole due partite dalla fine, un Salento Rugby determinato e concentrato si porta in testa al Campionato battendo i campioni i carica del  CUS Potenza Rugby.
Sul Campo Sportivo Comunale di Aradeo, ben diretto dal Sig. Amodio di Monopoli, si è disputato un confronto molto duro giocato a viso aperto e senza esclusione di colpi dove ad avere la meglio sono stati gli avanti dei tarantati grazie ad un solido pacchetto in mischia chiusa ed una rimessa laterale vincente e d’esperienza.

I salentini hanno la possibilità di portarsi in vantaggio al ventiduesimo con un calcio di punizione che capitan Abbate mette di poco fuori dai pali. Fallisce anche il vantaggio del Potenza, sempre su punizione, poco prima della meta di Alessandro Conforti che, al trentesimo, porta il Salento Rugby in vantaggio dopo una maul ben impostata e guidata da Gabriele Signore. La trasformazione non centra i pali ma, Capitan Ivano Abbate, si rifà al trentottesimo quando ancora Alessandro Conforti schiaccia in meta per la seconda volta. Il finale vede i potentini accorciare le distanze con una meta d’opportunismo grazie a Stefano Pregola, dopo un calcio contrato nella 22 salentina. Il calcio di trasformazione è fuori e il direttore di gara fischia la fine della prima frazione di gioco.
La ripresa vede ancora un Salento Rugby arrembante e prorompente in maul, molte volte rintuzzata in maniera fallosa dai leoni neroverdi. Ed è ancora un “carrettino” che porta in meta Luigi Brogno al ventesimo; la trasformazione di Capitan Abbate porta il risultato sul 19-5.
I salentini, forti dell’affidabilità sulle rimesse laterali, colpiscono il CUS Potenza in line-out ed è proprio da li che arriva anche il vantaggio numerico temporaneo in campo grazie ai cartellini gialli sventolati ai danni degli ospiti in almeno due occasioni. Coach Follo fa rifiatare il pilone Andrea Calavita e il tallonatore Conforti, entrano De Bello e Gravina ma il risultato non cambia e al trentesimo Ortenzio Orlandino schiaccia la quarta meta, quella del bonus, prontamente trasformata da Capitan Abbate.
L’allenatore dei tarantati, con la consueta girandola di cambi, da spazio a tutta la panchina ma ce spazio ancora per i “brividi”: Tardio prima e Orlandino poi vengono ammoniti e il Potenza trova la forza di andare in meta a tre minuti dal termine con Lopez.
Al termine della partita Coach Alberto Follo dichiara:« Oggi i miei tarantati sono  stati "VELENOSI"! Dovevamo cambiare verso rispetto al match d’andata, caratterizzato da un gioco sporco sulle fasi statiche e di gioco in piedi con un Potenza che aveva rallentato il nostro gioco coadiuvato anche da una lettura a tratti distratta dell'arbitro. Nella partita di domenica si è visto il lavoro che abbiamo svolto in allenamento per risolvere questo antigioco, aspetto caratterizzante dei potentini. Ci siamo riusciti grazie anche ad un direttore di gara più attento, che è riuscito a gestire le due fasi dando alla partita più dinamicità. Sono dispiaciuto per non aver sfruttato appieno i 3/4... ma sono convinto che con questo reparto ci rifaremo. – l’allenatore beneventano conclude ringraziando quanti hanno collaborato a questo successo – un sentito grazie e un caloroso applauso va a chi era fuori dal recinto di gioco a sostenere il Salento Rugby, sono rimasto piacevolmente colpito anche dai cugini del Trepuzzi, che con un video dal loro autobus in trasferta per Santa Maria Capua Vetere, ci hanno augurato di vincere. Sappiamo tutti che, comunque, non è finita qui… Forza Salento Rugby!»
Anche il Presidente Fabio Manta è pienamente soddisfatto del momento positivo dei salentini:« È stata una partita dura, combattuta ma portata agevolmente a casa grazie all’aiuto di tutti: dal primo dei giocatori all’ultimo sostenitore. Questa vittoria premia gli sforzi che tutta la società sta profondendo per lo sviluppo del Rugby sul territorio. A differenza dei nostri amici di Potenza, che sono gli unici in Basilicata, siamo sicuramente avvantaggiati dato che, nel Salento, questa disciplina vanta una storia più lunga. Il mio gruppo sta cercando di focalizzarsi anche su altri aspetti del gioco come lo sviluppo di un movimento giovanile che sta partendo dalle basi collaborando con gli istituiti di formazione primaria, un folto numero di ragazze che presto scenderanno per la prima volta in campo in un torneo di Coppa Italia e una comunicazione attenta e coinvolgente. Vogliamo catalizzare l’attenzione sul nostro sport e questa vittoria ci da morale e voglia di continuare.»
Il risultato finale di 26 a 12 proietta il Salento Rugby in testa alla Classifica che ora, per portare a casa il campionato, dovrà giocare due partite in trasferta: a Santeramo con i Falchi e a Taranto con l'Amatori.

Formazione Salento Rugby: 15. Maci, 14. Carlà (36’s.t. Tramacere), 13. Gomini, 12. Margari, 11. Ricciato (35’ s.t. Fina), 10. Nestola, 9. Abbate (36’ s.t. Lia), 8. Signore, 7. Tardio, 6. Calò (33’ s.t. Cristiano), 5. Manta (32’ s.t. Panarelli), 4. Orlandino, 3. Brogno, 2. Conforti (25’ s.t. De Bello), 1. Calavita (20’s.t. Gravina)
Tabellino
Primo tempo:
30’ Meta Conforti, 38’ Meta Conforti Trasf. Abbate, 39’ Meta Pregola (Potenza)
Secondo tempo: 20’ Meta Brogno Trasf. Abbate, 30’ Meta Orlandino Trasf. Abbate, 37’ Meta Lopez (Potenza) Trasf. Lotito.
Serie C Girone 2
Risultati Dodicesima Giornata
Salento Rugby - Potenza 26-12 (4-2)
Am. Taranto - Kheiron 65 -6 (11-0)
Falchi - Panthers 64-19 (10-3)
Granata - Draghi BAT 24-19 (3-3)


Classifica: Salento Rugby* pt. 52, Potenza* pt. 49, Rugby Club Granata pt. 35, Draghi BAT pt. 25, Falchi** pt. 23, Kheiron pt. 19, Taranto* pt. 18, Panthers pt. 1
* 4 punti di penalizzazione per non aver ottemperato all’obbligatorietà giovanile
** 4 punti di penalizzazione come comunicato C2/09/GST

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 22 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa