Passa ai contenuti principali

PRIMAVERA: DOMANI 21/3 CAMPAGNA AMICA DONA 'POLMONI VERDI' ALLE SCUOLE PUGLIESI; MANDORLI, FICUS, PESCHI, LIMONI E FALSO PEPE PER LA FESTA NAZIONALE DELL'ALBERO

Una mattinata all’insegna dell’ambiente, della salute, del rispetto per la natura. Domani 21 marzo, alle ore 10,30, in occasione della Festa nazionale dell’Albero, istituita con Decreto Ministeriale delle Politiche Agricole e della Pubblica Istruzione, Campagna Amica donerà alberi alle scuole pugliesi. Saranno i giovani imprenditori di Coldiretti a piantumare i ‘polmoni verdi’ nei cortili delle scuole, mentre il gruppo di donne impresa servirà colazioni e intratterrà i bimbi, radunati all’aria aperta.
In Puglia sono state scelte scuole che si trovano in luoghi emblematici, nei pressi di ecomostri e stabilimenti abbandonati da decenni.

TARANTO – proprio per ricordare il disastro ambientale cagionato dall’ILVA, a Statte nel giardino della scuola Paolo Borsellino (Via Teatro Massimo) sarà piantato un pesco. Albero originario della Cina, è simbolo d'immortalità.
BARI – nel cortile della Scuola Materna Statale L. Ranieri (Via Caldarola, 24) proprio di fronte all'ex Fibronit, tristemente noto per l’amianto, sarà piantato un mandorlo di 15 anni. Il mandorlo è stato molto utilizzato come simbolo di auspicio per la famiglia, grazie alla sua caratteristica di fiorire prima degli altri e dichiarare chiuso l'inverno, con l'inizio della primavera e delle sue speranze.
BRINDISI – nel cortile dell’istituto Comprensivo Commenda (Via Mecenate, 68), scuola prossima alla centrale ENEL di Cerano, sarà piantato un ‘falso pepe’, molto utilizzato negli orti e nei frutteti perché il profumo emanato dalle foglie è capace di allontanare i parassiti delle piante, fungendo così da protettore per tutta la coltivazione. Allo stesso tempo, però, i fiori sono particolarmente amati dalle api che, oltre a bottinare, si occupano di impollinare gli altri alberi da frutto presenti nell’area. Gli Inca lo consideravano un albero sacro.
FOGGIA – Un limone del Gargano sarà piantato nel cortile della Scuola statale Dante Alighieri (Via Sant'alfonso Maria de Liguori, 72) che sorge a ridosso di una mega struttura abbandonata da oltre trenta anni, l’ex stabilimento Casillo.  Il limone nell’arte è simbolo di salvezza e di fedeltà d’amore.
LECCE - Nella scuola elementare IV Circolo Cantobelli (Via Abruzzi) saranno piantati 3 ficus, alla presenza del trainer dell’orto Giancarlo Calvelli. Il ficus simboleggia l'abbondanza, la fecondità, la forza, la luce e la conoscenza. Nella Grecia antica era una pianta sacra ad Atena e a Dioniso.

Nel panorama delle iniziative di carattere educativo e didattico del settore agricolo e ambientale, infatti, un ruolo importante è storicamente rivestito dalla "Festa dell'Albero". Essa rappresenta – ricorda Coldiretti Puglia - una delle più antiche e gloriose cerimonie forestali che la tradizione nazionale eredita da culture lontane nel tempo e nello spazio. Infatti presso i Greci e gli antichi popoli orientali era molto diffusa l'usanza di celebrare feste in occasione della piantagione di alberi.
In Italia la prima "Festa dell'Albero" fu celebrata nel 1898 per iniziativa dello statista Guido Baccelli quando ricopriva la carica di Ministro della Pubblica Istruzione. Nella legge forestale del 1923 essa fu istituzionalizzata nell'art. 104 che recita: "è istituita la festa degli alberi, essa sarà celebrata ogni anno nelle forme che saranno stabilite di accordo fra i ministri dell'economia nazionale e dell'istruzione pubblica" con lo scopo di infondere nei giovani il rispetto e l'amore per la natura e per la difesa degli alberi.


Bari, 20 marzo 2017

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 15 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata