Passa ai contenuti principali

ODV Kairòs a Ruffano

Proseguono gli appuntamenti della rassegna teatrale organizzata dall’associazione ODV Kairòs a Ruffano. Domenica 5 marzo alle 20.00, al Teatro Comunale di Via Paisiello, andrà in scena Cammelli a Barbiana, uno spettacolo distribuito da Inti, di Francesco Niccolini e Luigi D'Elia, con la regia di Fabrizio Saccomanno. Una storia incentrata sulla figura di Don Lorenzo Milani considerato il maestro più rivoluzionario, dinamitardo e rompiscatole del dopoguerra italiano e raccontata da un solo attore in scena,
Luigi D’Elia, un artigiano della narrazione e un educatore ambientale. Luigi D'Elia, con i bambini, i ragazzi e le maestre ci lavora da oltre quindici anni tra la natura e i banchi di scuola. Cammelli a Barbiana è un racconto a mani nude, senza costumi e senza scena. Solo una sedia e un rosario, fabbricato con i legni dei boschi di Barbiana. Un racconto duro, amaro, ma allo stesso tempo intessuto di tenerezza per quel miracolo irripetibile che è stato Barbiana, e con tutta la sorpresa negli occhi di quei ragazzi dimenticati che, un giorno, videro un cammello volare sulle loro teste.

Un testo che sembra scolpito nel legno, recensione di Mailè Orsi
Ultimo appuntamento della giornata, Cammelli a Barbiana di INTI/Luigi d’Elia e Francesco Niccolini. D’Elia, che avevamo già visto a Collinarea lo scorso anno con La Grande Foresta, si conferma attore fuori dal comune, narrando e interpretando la storia di Don Milani, per restituirne il sentire franco, forte e coraggioso. Il finale praticamente perfetto corona uno spettacolo caratterizzato da un testo che sembra scolpito nel legno, con scarti, luci e ombre, e che gioca a togliere tutto ciò che non è necessario senza scivolare mai nel banale o nel compiacimento.
(http://teatro.persinsala.it/ich-big-transumanze-il-mascheraio-cammelli-a-barbiana-collinarea-festival-2016/32847)

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata