Passa ai contenuti principali

Nardo' bene comune

Quella dell'8 marzo è una giornata non di festa per le donne, ma di lotta, resistenza, affermazione di sé, dimostrazione continua delle proprie capacità, di scelte difficili, nervi saldi, ma anche di dolcezza, sensibilità, apertura al prossimo, tenerezza, comprensione, solidarietà, nonostante tutto.
Ogni giorno è il giorno delle DONNE. Per questo l'associazione politico-culturale Nardò Bene Comune sceglie il 10 marzo per organizzare un incontro in onore delle donne: la presentazione del volume “A nido
d'ape” (Esperidi 2013), progetto corale dedicato alle lavoratrici salentine: quaranta donne ritratte da quaranta giornaliste.
La presentazione si terrà alle 19.30 presso la Vetrina del Gusto, in piazza Salandra, sarà condotta dalla giornalista Valentina Murrieri, tra le curatrici del progetto, e prevede la proiezione di due cortometraggi prodotti dalla regista Paola Manno, una delle quaranta lavoratrici raccontate nel volume.
A nido d'ape” è curato da Fabiana Salsi, Daniela Pastore, Ilaria Marinaci, Ilaria Lia, Serena Costa e Valentina Murrieri, ed il ricavato è destinato interamente all'associazione Per un sorriso in più onlus, che opera a sostegno dell'unità operativa di oncoematologia pediatrica del Vito Fazzi di Lecce.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata