Passa ai contenuti principali

“LOCOMOTIVE GIOVANI”

Secondo appuntamento con i concerti del “LOCOMOTIVE GIOVANI”, che a ottobre ha selezionato gruppi di musicisti da inserire nel programma della dodicesima edizione del “Locomotive Jazz Festival”, in programma a luglio in varie tappe salentine.Domenica 26 marzo alle 19 sarà la volta di Pietro Corbascio (tromba), Davide Chiarelli (batteria), Andrea Rossetti (piano), Francesco Pellegrino (sax),
Giancarlo Martino (basso), che si esibiranno presso la Libreria Idrusa di Alessano; i musicisti, tutti di età inferiore a 35 anni, sono stati selezionati tramite audizione dal vivo dal comitato artistico del LJF, formato da Raffaele Casarano, Marco Bardoscia e Irene Scardia.



Gli artisti selezionati parteciperanno a un nutrito programma di workshop con jazzisti di fama internazionale e si esibiranno durante mini live, appunto, che precederanno il Festival vero e proprio. I musicisti più meritevoli si esibiranno inoltre ad agosto sul palco della dodicesima edizione del Festival, con jazzisti di calibro nazionale, e avranno l’opportunità di ricevere una borsa di studio per partecipare ai prestigiosi seminari di “Nuoro Jazz 2017”, rassegna con cui il LJF collabora già dalla passata edizione. Come avvenuto per l’edizione 2015, le registrazioni dei concerti della Sezione Giovani saranno pubblicate in un cd compilation realizzato con l'etichetta discografica Workin’ Label.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata