Passa ai contenuti principali

LA TORRE MESSAPICA DI GIUGGIANELLO SI SVELA

Domani, venerdì 10 marzo, alle ore 11, nella sala conferenze stampa di Palazzo Adorno, a Lecce, saranno presentati i risultati del progetto di ricerche archeologiche e valorizzazione della Torre Messapica, situata nell’area del Fondo Torre, presso Giuggianello, a breve distanza dalla chiesa della Madonna della Serra.
Interverranno il presidente del Cuis Antonio Del Vino, il sindaco del Comune di Giuggianello
Ufficio Stampa Provincia di Lecce
Giuseppe Pesino, il professore associato di Archeologia classica, Archeologia greca e romana, Archeologia della Magna Grecia Giovanni Mastronuzzi, il direttore del Dipartimento di Beni culturali dell’Università del Salento Gianluca Tagliamonte, il funzionario archeologo della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Province di Lecce, Brindisi e Taranto Laura Masiello, il presidente del Centro di Cultura sociale e ricerche di Giuggianello Vincenzo Ruggeri.

Il progetto, finanziato dal Cuis (Consorzio Universitario Interprovinciale Salentino), è stato avviato il 20 dicembre 2016. Le ricerche sono state condotte da un’équipe dell’Università del Salento, diretta dal professor Giovanni Mastronuzzi, del Dipartimento di Beni Culturali, nell’ambito della “Concessione di Ricerca del Mibact”. La campagna di scavi è stata effettuata dai ricercatori dell’Ateneo salentino Livio Benegiamo, Alberto Gigante e Marcella Perfetto.

Le indagini sono state rese possibili grazie alla stretta collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Province di Lecce, Brindisi e Taranto, con il supporto logistico ed organizzativo del Comune di Giuggianello e del Centro di Cultura Sociale e Ricerche di Giuggianello.

Lecce, 9 marzo 2017

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata