Passa ai contenuti principali

La Puglia è una regione tutt’altro che omogenea sul fronte dell’efficienza dei servizi pubblici

Bari, 08/03/2017 – La Puglia è una regione tutt’altro che omogenea sul fronte dell’efficienza dei servizi pubblici resi dai Comuni a cittadini ed imprenditori.
Lo attesta un’elaborazione dell’Ufficio studi di Confartigianato che a livello nazionale ha misurato come le amministrazioni locali abbiano speso i soldi dei contribuenti. Per la Puglia emerge un quadro a più velocità in cui prevalgono, però, i Comuni spreconi e quelli che non riescono a offrire servizi dignitosi, a
fronte di un gruppetto di enti locali virtuosi che spendono con efficienza le risorse pubbliche, «prelevate», sotto forma di tasse e balzelli vari, dalle tasche dei cittadini e dei titolari d’impresa.
E qui arriviamo al cuore del problema analizzato da Confartigianato: le tasse sulle piccole imprese sono più alte proprio nei Comuni spendaccioni. Insomma: più tasse e meno servizi.
L’analisi proposta dall’associazione degli artigiani mette a confronto i fabbisogni standard e la spesa, partendo dai dati raccolti su OpenCivitas (Mef e Sose).
In particolare, i fabbisogni standard misurano il fabbisogno finanziario di un ente in base alle caratteristiche territoriali e agli aspetti socio-demografici della popolazione residente, mentre la spesa effettiva storica (per il 2013) è data dalla spesa effettiva del comune per l’offerta di servizi ai cittadini, riportata nei certificati consuntivi e ricalcolata con l’ausilio delle informazioni raccolte attraverso i questionari.
Sono ritenuti «Comuni efficienti» quelli che spendono meno del fabbisogno standard ed offrono più servizi; i comuni cosiddetti «sopra il livello» spendono più del fabbisogno standard ed offrono più servizi; i comuni «sotto livello» spendono meno del fabbisogno standard ed offrono meno servizi; i comuni «inefficienti» spendono più del fabbisogno standard ed offrono meno servizi.
L’analisi sulla spesa dei Comuni accende i riflettori su 12 funzioni fondamentali: asilo nido; settore sociale (al netto asilo nido); smaltimento rifiuti; gestione del territorio (al netto dei rifiuti); trasporto pubblico locale e servizi connessi; viabilità (al netto dei trasporti); istruzione pubblica; polizia locale; anagrafe, stato civile, leva, servizio elettorale e statistico; altri servizi generali; ufficio tecnico; gestione delle entrate tributarie e servizi fiscali.
In Puglia sono stati esaminati 236 Comuni. Il quadro è il seguente: 70 Comuni risultano inefficienti, pari al 29,7 per cento del dato complessivo; 138 si fermano «sotto il livello», pari al 58,5 per cento del totale; 14 si attestano «sopra il livello», pari al 5,9 per cento del totale; solo 14 sono risultati efficienti, pari al 5,9 per cento.
Restringendo l’analisi ai soli comuni capoluogo della Puglia, risulta inefficiente Taranto con una spesa di 142,8 milioni e un fabbisogno standard di 130,6 milioni (gap di 12,2 milioni ovvero il 9,3 per cento).
Anche Lecce risulta inefficiente, con una spesa di 69,9 milioni e un fabbisogno standard di 65,9 milioni (gap di 4 milioni ovvero il 6,0 per cento).
Si attestano «sotto il livello» Bari con una spesa di 227,6 milioni e un fabbisogno standard di 269 milioni (gap negativo di 41,4 milioni, ovvero meno 15,4 per cento).
Sotto il livello anche Foggia con una spesa di 81,7 milioni e un fabbisogno standard di 97 milioni (gap negativo di 15,3 milioni, ovvero meno 15,7 per cento).
Sopra il livello, invece, solo Brindisi spesa con una spesa di 75,2 milioni e un fabbisogno standard di 57,7 milioni (gap di 17,5 milioni, ovvero il 30,3 per cento). Nessuno dei capoluoghi pugliesi risulta efficiente.

«È arduo parlare di competitività e ripresa in una Puglia a quattro diverse velocità, in cui sono così tante le amministrazioni locali inefficienti o sottolivello per ciò che concerne la spesa pubblica - commenta Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia.
In realtà non è semplicemente una questione di quantità della spesa ma anche di qualità.
Al netto dei dati dello studio, che fanno ovviamente riferimento anche alle percezioni soggettive dei pugliesi – sottolinea Sgherza – i problemi sorgono specialmente in quei casi in cui non soltanto le amministrazioni spendono più di quanto sarebbe necessario ma scaricano il peso dell’inefficienza sulle spalle dei cittadini e del sistema produttivo. Quando ad un surplus nella spesa corrispondono servizi sotto la media e livelli di tassazione locale più elevati, è allora che al danno si aggiunge la beffa.
In questi ultimi anni – ricorda il presidente – quando si parla di competitività del sistema produttivo, tendiamo a riferirci quasi sempre all’analisi di fattori “esogeni” come mercati, investimenti o risorse comunitarie. Probabilmente, invece, bisognerebbe riflettere più approfonditamente sul fatto che la prima ed indispensabile condizione utile per l’insediamento e la crescita delle realtà produttive è la messa a disposizione di un habitat a misura di impresa. Questo significa servizi ad imprenditori e lavoratori, sicurezza, welfare ed assistenza funzionanti, trasporti e viabilità all’altezza delle esigenze. Più in generale – conclude Sgherza – qualità della vita ed anche un’amministrazione pubblica che non sia fonte di continui ostacoli burocratici, ma vero e proprio partner al fianco dei cittadini».

L’Ufficio Stampa

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata