Passa ai contenuti principali

“La Passione degli Allievi”

Un piacevole pomeriggio domenicale da trascorrere all’insegna dell’eccellenza, della scoperta del talento di giovani artisti salentini. E’ quanto si propone l’evento “La Passione degli Allievi”, organizzato da Quarta Agency con il patrocinio della Provincia di Lecce, del Comune di Lecce e del Conservatorio di musica “Tito Schipa”.
L’appuntamento è per domenica 19 marzo, con inizio alle ore 18.30, nell’ex Convento dei Teatini a Lecce. Luigi Maria Lazzari, talentuoso allievo del Conservatorio Tito Schipa, si esibirà in un concerto di
musica classica. Il giovane musicista eseguirà al pianoforte alcune delle più famose sonate di Mozart e Beethoven, tra le quali “Appassionata” e “Grande Sonate Patetique.”

A fare da cornice all’evento, una mostra fotografica, incentrata su momenti privati del musicista, dal titolo “Scatti Rubati”, a cura di Renèe Issat. L’ingresso è gratuito.

La sonata è il genere musicale che più degli altri ha avuto una funzione fondamentale nella storia della musica strumentale, portando questo tipo di esecuzione ad un livello di emancipazione dalla musica vocale, che fino ad allora dominava lo scenario sia profano che sacro, tale da rendere la performance con uno o più strumenti maggiormente eseguita ed apprezzata rispetto di quello a voce. La sonata rappresenta per il pianoforte classico, neonato nel 1709, quando il cembalaro padovano Bartolomeo Cristofori ne costruì il primo prototipo, il genere maggiormente eseguito, composto e apprezzato per la sua precisione formale, ma allo stesso tempo per la sua grande malleabilità.

Lecce, 17 marzo 2017

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata