Passa ai contenuti principali

“Innamòrati di te", arriva a Lecce

Il 7 marzo, il tour nazionale di Codere Italia “Innamòrati di te", arriva a Lecce. Dopo aver raggiunto le principali città italiane, il progetto itinerante ideato e promosso dalla multinazionale spagnola, leader nel settore del gioco lecito, molto attiva in ambito sociale, fa tappa nella città barocca. Non a caso è stata scelta una data significativa per parlare di violenza: la vigilia della Giornata Internazionale della donna. All’incontro
parteciperanno: tra gli altri, il viceprefetto Valeria Pastorelli, l'avv. Maria Antonietta Labianca di In Quanto Donna, Maurizio Scardia, responsabile del 118, Carmela Scippa Stefanizzo di Soroptimist Lecce, Antonella Pappadà,  Comitato Pari Opportunità Ordine Avvocati di Lecce, Paola Gabrieli,  coordinatrice Centro Antiviolenza Malala, Fernando Colaci, istruttore di Krav Maga. il dibattito che sarà moderato dalla giornalista Cecilia Leo avrà l'obiettivo di focalizzare l'attenzione su una tematica di grande attualità che riguarda donne di ogni ceto sociale e di ogni età. 
L’incontro sarà anche l’occasione per fare un quadro del fenomeno della violenza sulle donne con dati e numeri relativi a Lecce e alla Puglia.
 L'iniziativa si terrà  alle Officine Cantelmo di Lecce dalle 10 alle 13.

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 20 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata