Passa ai contenuti principali

ECCELLENZE EUROPEE. RICONOSCIMENTO ALL’IMPIANTO “FIUSIS DI CALIMERA”

Fiusis, esempio virtuoso di filiera cortissima.
Esperti internazionali si sono dati appuntamento martedì 28 marzo alle ore 10:00 presso l'impianto di cogenerazione Fiusis di Calimera (Le).

L'occasione è la presentazione del progetto AGROinLOG (“Demonstration of innovative integrated
biomass logistics centres for the Agro-industry sector in Europe”- GA no. 727961), finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito del programma di ricerca Horizon 2020, finalizzato alla creazione di “Centri logistici integrati” di gestione dei residui agricoli in tre agro-industrie di altrettanti Paesi.

L’evento vedrà infatti la partecipazione di esperti di Grecia, Spagna e Svezia, venuti appositamente per conoscere da vicino questa best practice, che sarà replicata sul modello organizzativo dell'azienda salentina, con piccole differenze relative all'uso della biomassa (foraggio) in Spagna e (cereali) in Svezia, mentre in Grecia è identico a quello salentino (ulivo).

All’evento presso Fiusis interverranno:
Giancarlo Negro, presidente Confindustria Lecce;
Marcello Piccinni, amministratore Fiusis;
I rappresentanti di CREA-ING di Roma, dell'Associazione nazionale ITABIA e dell'Università di Foggia.



Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata