Passa ai contenuti principali

Assemblea pubblica delle tintorie lavanderie e ditte di pulizia

Lecce, 24/03/2017 – Assemblea pubblica delle tintorie, lavanderie e ditte di pulizia, organizzato da Confartigianato Imprese Lecce. L'incontro si svolgerà a Lecce, domenica prossima, 26 marzo, alle 9, all’Hilton Garden Inn (zona salesiani). L’annuale appuntamento è finalizzato a mettere in luce le nuove dimensioni e caratteristiche che le attività di pulitintolavanderie possono raggiungere, arricchendosi di nuove prospettive e competenze per la cura dei capi, grazie agli spunti di riflessione da approfondire con gli esperti in materia.

Dopo i saluti di Luigi Derniolo, presidente di Confartigianato Imprese Lecce, di Regina Lucia Gorgoni, presidente della categoria 'Pulitintolavanderie' e di Giuseppe Negro, segretario provinciale di Confartigianato, è previsto l'intervento di Alessandro Iozzelli, sul tema «Come i tessuti assorbono gli odori e come eliminarli».
Al termine Giuseppe Pennino, ricercatore tessile, risponderà ai quesiti posti dal pubblico e animerà il dibattito. Per ulteriori informazioni contattare Confartigianato Imprese Lecce al numero 0832/494360 o scrivere all'indirizzo mail: e.aprile@confartigianatolecce.it.


L’Ufficio Comunicazione e Stampa

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 15 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata