Passa ai contenuti principali

Staisinergico e Staiterraterra tra gennaio e febbraio propongono tre percorsi formativi nel Salento

Un programma ricco e dettagliato per puntare alla formazione agricola consapevole, alla conoscenza della campagna salentina, alle sue potenzialità e ai suoi bisogni, per offrire occasioni di crescita professionale verso figure pronte ad affrontare le sfide rurali della quotidianità locale.
Salde su questi obiettivi le associazioni di promozione sociale Staisinergico e Staiterraterra per i prossimi mesi organizzano tre percorsi formativi in ambito agricolo e olivicolo: corso di potatura dell’ulivo, corso di potatura della vite e
corso per degustatori di olio. Un’offerta completa e diversificata che si avvalora dell’esperienza qualificata e riconosciuta di docenti tra i migliori dei rispettivi settori.
Il primo appuntamento è a Maglie con il corso di potatura dell’ulivo dal 26 al 28 gennaio: è rivolto a tutti i tecnici e gli operatori del settore che intendono aggiornarsi sulle tecniche colturali dell'olivo, al fine di migliorare la propria professionalità nel settore della potatura, ma anche a tutti gli appassionati che intendono prendersi cura del proprio oliveto in maniera autonoma, e alle nuove generazioni che si troveranno a gestire l’immenso patrimonio olivicolo salentino. Le docenze saranno affidate ai professori Pannelli, Xiloyannis, Antonello e De Nola. (Pagina evento fb: https://www.facebook.com/events/1709791939351256/)
Dal 9 all’11 febbraio l’attenzione si sposta sulla vite con un corso rivolto a tecnici, operatori e appassionati per arricchire le proprie conoscenze teoriche e pratiche sul miglioramento e allungamento della vita media della pianta, sulla razionalizzazione del carico produttivo annuo e aumento della qualità̀ delle uve, sulla qualificazione degli addetti alla potatura e la valorizzazione delle produzioni sostenibili e tipiche. Anche in questo caso la guida è affidata a professionalità di indiscussa competenza: Enzo Mescalchin, Marino Gobber, Roberto Lucin e Marta Cesi. (Pagina evento fb: https://www.facebook.com/events/291857647875868/)
Terza proposta formativa: dalla campagna ai suoi frutti. Il corso di degustatori di olio si svolgerà a Racale il 20 – 21 – 22 e 27 febbraio ed è rivolto a chi desidera approfondire la conoscenza della qualità del più antico e nobile dei condimenti. Si parlerà̀ di aspetti agronomici, tecnologici, di trasformazione delle olive, di conservazione, di caratteristiche chimico-fisiche degli oli extravergini, e anche di aggiornamenti normativi del settore olivicolo italiano, internazionale e comunitario. Non mancheranno le esercitazioni sensoriali, le degustazioni guidate e le prove pratiche. Lorenzo Cerretani, Luigi Caricato, Giovanni Lercker, Giovanni Melcarne, e Luciano Pollastri i docenti che seguiranno questa esperienza formativa unica nel Salento. (Pagina evento fb: https://www.facebook.com/events/1113767438698083/)
Staisinergico e Staiterraterra non sono nuove a proposte formative del genere, basti pensare che il corso di potatura dell’olivo è già alla sua terza edizione. “Quella della formazione è per noi la strada principale da percorrere per difendersi dalle difficoltà che oggi la nostra agricoltura sta affrontando e dalle strategie estere del mercato”, spiegano le associazioni. “Continuiamo a farlo ascoltando i bisogni principali dei coltivatori e della comunità proponendo a costi accessibili a tutti aggiornamenti che altrove richiederebbero investimenti maggiori, senza mai rinunciare all’alta qualità dei professionisti coinvolti”.
Le informazioni dettagliate sui singoli programmi dei corsi, i costi e le modalità di iscrizione sono consultabili sul sito www.staisinergico.it, sulle pagine facebook delle associazioni

STAISINERGICO è un’Associazione di Promozione Sociale costituita formalmente da settembre 2014. Nasce dalla forte volontà dei suoi soci fondatori di formarsi sulle pratiche di Economia Collaborativa e Rigenerazione Urbana diffuse in Italia e in Europa, con l’obiettivo di disegnare un modello mediterraneo di coworking adatto al Sud della Puglia. È gestore dello IAT di Racale e conta oggi circa 150 soci; un team operativo di circa 15 persone con competenze trasversali nel mondo del turismo, della comunicazione, dell’agricoltura, della formazione; una preziosissima rete di alleati e partner per collaborazioni su singoli progetti o su percorsi articolati nel medio e lungo periodo.

STAITERRATERRA è un'associazione di promozione sociale operante nel settore rurale. La base operativa è un orto in agro di Felline: 1000 mq di terreno destinate alla coltivazione sinergica e rappresenta un coworking agricolo in cui la sinergia non è solo prerogativa delle colture ma è lo spirito di collaborazione di tutti coloro che vi lavorano.
L’ orto sinergico è un luogo in cui non solo si sperimentano nuove (anche se antichissime) pratiche agricole (agricoltura sinergica, agricoltura organica-rigenerativa, agricoltura biologica, riproduzione dei semi OP) ma soprattutto in cui si impara a coltivare la terra, a raccoglierne i frutti e a rapportarsi con un consumatore esigente e consapevole, in un percorso quotidiano di costruzione di un rapporto diretto con la comunità, basato soprattutto sul trasferimento di conoscenze e di principi di educazione alimentare.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata