Passa ai contenuti principali

PRESEPE VIVENTE KALÒS A CAPRARICA

Al via la V Edizione del Presepe Vivente Kalòs. Ad inaugurare a Caprarica di Lecce, presso Kalòs, l’Archeodromo del Salento, uno degli appuntamenti più caratteristici del periodo natalizio nel Salento, è intervenuto, tra gli altri, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone.

In uno scenario unico, tra ambientazioni storiche ricostruite ad hoc, allestimenti suggestivi e addobbi luminosi, è possibile vivere un’esperienza unica.


Il presepe sarà aperto il 25, 26 e 27 dicembre 2016 e 1, 5 e 6 gennaio 2017, dalle 17 alle 21.30.

Dopo mesi di duro lavoro, storici e maestri nell’arte dei presepi hanno realizzato uno spettacolo suggestivo. Un viaggio nel passato tra botteghe artigiane che ripropongono antichi mestieri (conzalimmure, bottaio, fabbro, cestaio, conzatraini, scarparu), la ricostruzione della sezione romana con la corte di Erode, il tempio sacro, le vestali ed i centurioni della Legio X Fretensis, la sezione contadina e pastorale sul declivio della collina. Un percorso che evidenzia la centralità della Santa grotta, situata appositamente nel mezzo del percorso presepiale.

Infine, i piatti della tradizione (pittule, piscialette, panini con pezzetti di cavallo) e canti natalizi allieteranno le serate.


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata