Passa ai contenuti principali

Lo sport per abbattere le barriere

Lo sport per abbattere le barriere. Questo è il senso di Sport e disabilità, l’iniziativa in programma domani, mercoledì 21 dicembre, alle ore 17 al Chiostro dei Carmelitani di Corso Vittorio Emanuele II. Si tratta di un incontro-dibattito con persone diversamente abili che hanno avuto successo nel mondo dello sport, come Grazia Turco, maglia rosa 2011 di handbike, e i componenti dell’Asd Lupiae Team Salento, la squadra leccese di basket in carrozzina.
Al termine dell’incontro, alle ore 19, è in programma una manifestazione al Pala Andrea Pasca di via Giannone, dove le associazioni sportive che hanno aderito all’iniziativa svolgeranno alcune attività per coinvolgere persone diversamente abili. La serata sarà condotta da Antonio Settanni. L’evento è organizzato dai consiglieri comunali Antonio Tondo (consigliere con delega allo Sport) e Fabrizio Durante con la collaborazione dell’Assessorato ai Servizi Sociali ed è patrocinato dal Comune di Nardò.
Lo sport - evidenziano Antonio Tondo e Fabrizio Durante - è un tema naturalmente legato alla disabilità. Crediamo sia dovere di tutti cercare di migliorare la vita di chi vive una disabilità. E spesso basta calarsi nei panni di chi ha difficoltà persino a muoversi liberamente nella propria città, per capire. Questa manifestazione ha lo scopo di sensibilizzare proprio attraverso lo sport e gli esempi di vita di questi campioni”.
                                                                                     Ufficio Stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata