Passa ai contenuti principali

ELETTROSMOG A LECCE: CI SONO VOLUTI ANNI PER UNA RISPOSTA DAL MINISTERO AMBIENTE

Roma, 16 dicembre 2016 - Il 4 febbraio di due anni fa veniva presentata un'interrogazione a prima firma della Senatrice Salentina Daniela Donno (M5S), indirizzata all'Esecutivo Ambiente e Salute, sugli anomali episodi registrati nella città di Lecce a causa di forti emissioni di onde elettromagnetiche.
"In quella sede, chiedevamo di indagare sulla questione attraverso la produzione di un aggiornato censimento delle singole sorgenti di campo elettromagnetico e con la misurazione dei valori rilevabili in
prossimità delle principali fonti di irradiazione. Solo adesso, però, arriva la risposta del Ministero dell'Ambiente che tiene solo a rimettere alle amministrazioni provinciali e comunali - che si avvalgono delle Agenzie Regionali per la Protezione dell'Ambiente - la competenza del controllo e della vigilanza sanitaria e ambientale" afferma la senatrice pentastellata.
"Non ci stanchiamo di chiedere, ancora una volta, la promozione di studi  riguardanti gli effetti dei campi elettromagnetici sulla salute, tenendo conto non solo delle prescrizioni derivanti dalla normativa vigente, ma anche delle raccomandazioni e degli studi della ricerca comunitaria e internazionale" conclude Donno.




Daniela Donno
Vice Presidente Commissione Diritti Umani
9ª Commissione: Agricoltura e produzione agroalimentare
MoVimento 5 Stelle ★★★★★ - Senato della Repubblica

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 16 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata