Passa ai contenuti principali

Confindustria Lecce compie 90 anni di attività

Confindustria Lecce compie 90 anni di attività. Correva infatti il dicembre
1926 quando alcuni industriali decisero di riunirsi e far muovere i primi
passi all'Associazione degli Industriali della Provincia di Lecce, che,
circa dieci anni fa, è stata ridenominata Confindustria Lecce.
E' per gli imprenditori salentini un traguardo particolarmente rilevante, da
celebrare con una serie di iniziative, che partiranno con l'Assemblea


privata del 19 dicembre pomeriggio e proseguiranno per i dodici mesi
successivi. Iniziative a carattere economico, sociale e culturale che hanno
l'obiettivo da un lato, di rimettere al centro l'impresa, il suo valore
sociale e i suoi talenti, e dall'altro, di proporre un progetto sistemico,
coerente e allo stesso ambizioso per lo sviluppo del territorio.
"Dopo l'Assemblea - afferma il presidente di Confindustria Lecce Giancarlo
Negro - avremo il piacere di commemorare, con una piccola cerimonia, insieme
con i familiari, gli imprenditori che hanno fatto la storia
dell'Associazione, uomini e donne che con coraggio, lungimiranza e tanta
abnegazione, hanno contribuito allo sviluppo del territorio e alla crescita
economica, sociale e culturale del Salento. Sarà l'occasione anche per lo
scambio degli auguri per le imminenti festività natalizie".

 L'appuntamento dunque è per lunedì 19 dicembre alle ore 18.00 presso la sede
di Confindustria Lecce

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 18 Dicembre 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa