Passa ai contenuti principali

Confindustria Lecce compie 90 anni di attività

Confindustria Lecce compie 90 anni di attività. Correva infatti il dicembre
1926 quando alcuni industriali decisero di riunirsi e far muovere i primi
passi all'Associazione degli Industriali della Provincia di Lecce, che,
circa dieci anni fa, è stata ridenominata Confindustria Lecce.
E' per gli imprenditori salentini un traguardo particolarmente rilevante, da
celebrare con una serie di iniziative, che partiranno con l'Assemblea


privata del 19 dicembre pomeriggio e proseguiranno per i dodici mesi
successivi. Iniziative a carattere economico, sociale e culturale che hanno
l'obiettivo da un lato, di rimettere al centro l'impresa, il suo valore
sociale e i suoi talenti, e dall'altro, di proporre un progetto sistemico,
coerente e allo stesso ambizioso per lo sviluppo del territorio.
"Dopo l'Assemblea - afferma il presidente di Confindustria Lecce Giancarlo
Negro - avremo il piacere di commemorare, con una piccola cerimonia, insieme
con i familiari, gli imprenditori che hanno fatto la storia
dell'Associazione, uomini e donne che con coraggio, lungimiranza e tanta
abnegazione, hanno contribuito allo sviluppo del territorio e alla crescita
economica, sociale e culturale del Salento. Sarà l'occasione anche per lo
scambio degli auguri per le imminenti festività natalizie".

 L'appuntamento dunque è per lunedì 19 dicembre alle ore 18.00 presso la sede
di Confindustria Lecce

Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 17 Luglio 2018

Gallipoli illuminare per avere piu' sicurezza? Pensiamo anche alla spiaggia della Purita'

“Uno dei scorci più belli e suggestivi di Gallipoli, considerata mèta regina per i vacanzieri, è la spiaggia della Purità. Durante le ore serali è completamente buia, non viene affatto valorizzata, anzi, una parte di essa, viene utilizzata come parcheggio. Durante il giorno viene presa d’assalto dai tanti gallipolini e dai vacanzieri che apprezzano la bellezza dell’arenile e dell’acqua del mare. Nelle ore serali però è un disastro perché vi è una fila di auto parcheggiate lungo la rampa d’accesso e ciò rappresenta un vero problema per la sicurezza pubblica oltre che un’occasione persa per non valorizzare uno scorcio di Gallipoli che avrebbe tutte le carte in regola per diventare patrimonio dell’Unesco. Con un’ adeguata