Passa ai contenuti principali

Centro Antiviolenza Renata Fonte

Dichiarazione Maria Luisa Toto: “Gli unici luoghi dove è possibile creare e studiare percorsi di libertà con e per le donne sopravvissute alla violenza maschile sono i Centri Antiviolenza. Luoghi dove si riconosce che alla base della violenza c’è lo squilibrio di potere tra i sessi. I Centri Antiviolenza devono essere gestiti da associazioni di donne che riconoscono l’origine patriarcale della violenza.
Bisogna mettere in atto un Cambiamento Culturale che educhi al Rispetto, in particolare al rispetto tra i generi e rifondare la Cultura del rispetto dei Diritti Umani. Il Centro Antiviolenza “Renata Fonte” di Lecce –  gestito dall’Associazione Donne Insieme onlus -  promuove, oltre al sostegno e assistenza a donne investite dalla violenza maschile, incontri di sensibilizzazione sul territorio e nelle scuole, con l’obiettivo di promuovere la cultura del rispetto e della legalità nelle giovani generazioni”.

La gestione del Centro Antiviolenza prevede e garantisce l’erogazione dei seguenti servizi:
Servizi Attivati dal Centro:

Servizio di accoglienza telefonica
Servizio di accoglienza al Centro
Servizio di consulenza legale
Servizio di consulenza psicologica
Servizio di sostegno (gruppi di auto aiuto)
Servizio di sostegno (accompagnamento struttura d’emergenza, pronto soccorso, forze dell’ordine)
Servizio di sostegno nei procedimenti legali (le operatrici del Centro sono testimoni della donna vittima, nei procedimenti sia penali che civili, in qualità di  persone informate sui fatti)


Il Centro è Testimone nelle denunce delle Donne sia nella fase delle indagini preliminari sia nella fase processuale dei procedimenti civili e penali. La testimonianza del Centro è fondamentale per non far sentire la donna sola in questa fase, per rappresentare la necessità di abbattere il muro dell’omertà e del silenzio e per vigilare sull’odioso fenomeno della ri-vittimizzazione nelle aule dei tribunali. La testimonianza del Centro, in questi termini, risulta decisamente più efficace rispetto alla costituzione di parte civile.

Nell’ anno 2016,  gli accessi al Centro sono stati 251.
Sono stati espletati i seguenti servizi:
Colloqui telefonici utenti 273:  sono state raccolte le richieste di aiuto, garantendo sulla riservatezza e il rispetto della privacy e sono state fornite le prime informazioni utili.
Colloqui personali utenti 251: le operatrici del Centro Antiviolenza “Renata Fonte” hanno ascoltato ed accolto  le esperienze ed il vissuto delle donne vittime di violenza, sostenendole nella elaborazione di un proprio personale progetto per affrontare la situazione di disagio, aiutandole ad individuare le risorse necessarie, i tempi, i modi atti a superare la condizione problematica di violenza. Durante i colloqui le operatrici hanno applicato lo screening di rilevazione  del rischio di recidiva (metodo SARA - Spousal Assault Risk Assessment) adottato a livello internazionale per individuare il rischio per la violenza nelle relazioni di intimità.
Consulenza e sostegno legale utenti 170: l’obiettivo è stato quello di consentire alle donne vittime di violenza, di conoscere i propri diritti e le eventuali responsabilità,  supportandole ed offrendo loro cura e sostegno per tutto l’iter legale.
Consulenza e sostegno psicologico utenti 230: attraverso colloqui con professioniste del Centro Antiviolenza “Renata Fonte” e con l’offerta di strumenti di aiuto, sono state sostenute le donne vittime di violenza, e in alcuni casi la rete familiare di appartenenza,  nella elaborazione della situazione di disagio e nella costruzione di un progressivo percorso di fuoriuscita dalla violenza.
Accompagnamento presso le strutture ospedaliere utenti 28: è stato offerto sostegno per i casi  in cui è stato necessario il ricorso a cure mediche e/o sanitarie.
Accompagnamento presso il Tribunale e le Forze dell’Ordine utenti 132: è stato offerto sostegno nei percorsi di denuncia e nei procedimenti legali (penale, civile e minorile).
Testimonianze in Tribunale e presso gli uffici delle Forze dell’Ordine:  61


Dalle nostre statistiche possiamo dire che:

  • Il fenomeno della violenza di genere si attesta come trasversale allo status culturale sociale ed economico;
  • c’è un incremento degli accessi rispetto al precedente anno, ciò testimonia una maggiore consapevolezza della necessità di denunciare;
  •  il tipo di violenza rappresentata ha caratteri di maggiore aggressività.

Le ipotesi interpretative possono essere numerose, in letteratura la più accreditata è il cosiddetto “paradosso nordico”: le vittime si sentono più libere di denunciare e ciò provoca una reazione di uomini che si sentono minacciati nel proprio potere e nella propria identità, rispondendo con l’arma che più conoscono, la violenza.




La presidente
Maria Luisa Toto
L’equipe del Centro Antiviolenza
Silvia Sammarco Psicologa
Marzia Camarda Psicologa
Francesca Pastore Assistente Sociale
Florindina de Carlo Avvocata
Stefania Mercaldi Avvocata
Alessandra Politi Avvocata
Iris Zecca Progettista
Emanuela Lodico Responsabile amministrativa

Lecce, 12/12/2016

TESTIMONIANZA DI DUE DONNE, CON FIGLI MINORI, IN CARICO AL CENTRO ANTIVIOLENZA “RENATA FONTE” DI LECCE:
“Ho vissuto momenti in cui da sola mi dicevo la colpa è mia. Cercavo di giustificarlo facendomi io una colpa finché un giorno ho toccato il fondo. Quando ho deciso di dare una svolta di dire adesso basta! Tutti erano contro di me, inclusa la mia famiglia mia madre che per mesi non mi ha rivolto parola. Vivevo come un vegetale, piangevo sempre. Grazie ad un'assistente sociale, che ha fatto da tramite con il centro, adesso vivo io e le mie figlie sorridendo. È stata dura, difficile, ho lottato sto lottando contro muri. Ho rischiato la vita, ma un giorno mi sono guardata allo specchio mi sono detta non sono io sbagliata. Ho iniziato a sorridere, uscire da casa a testa alta. Truccandomi. Facendo vita sociale. E dopo un anno da disoccupata ho trovato anche lavoro. Quindi oggi URLO BASTA VIOLENZA FISICA VERBALE NESSUNO PIÙ MI FARÀ DEL MALE. SONO DONNA MA SOPRATTUTTO UNA MADRE ORGOGLIOSA. Grazie alle donne meravigliose del centro oggi io e le mie principesse siamo felici. DONNE DENUNCIATE CHIEDETE AIUTO. FATELO PER VOI IN PRIMIS ma soprattutto siate da esempio ad i vostri figli e ai giovani. Grazie al centro antiviolenza Renata Fonte. Grazie Maria Luisa Toto quest'anno sotto l'albero di Natale il più bel regalo….la nostra vita”.
…………………………………………………………………………………
“Mi sentivo sola, isolata, in colpa , più stavo nella violenza e più mi isolavo perché pensavo che nessuno mi avrebbe ascoltata, capita, aiutata. La violenza ti toglie tutto. Il respiro , la libertà , la dignità. Ci sono tante forme di violenza. Non è detto che se non ci sono i lividi non c'è violenza. La violenza è fatta di tanta Cattiveria e poi di rientri a casa con tante scuse e quasi sempre con regali. Ti senti sola ,vedi tutto nero e riesci solo a piangere. Grazie al centro ora riesco a vivere più serenamente. Mi sento forte. So che non sono più sola. So che la rete attorno a me è fatta di persone che possono realmente ascoltare, capire e tornare a farmi vedere il sole dietro le nuvole”.




Commenti

Post popolari in questo blog

News Video Galatina 19 Agosto 2017

Massimo Giannini candidato a sindaco di Galatina per FdI, il cittadino deve essere informato sulla questione compostaggio

A pochi giorni dalla diffusione dei dati dell’Agenzia Europea (EEA) che si occupa di inquinamento e che attesta la Colacem di Galatina quale concausa di seri danni sanitari e ambientali che oscillano tra i 37 e i 67 milioni di euro e dai risultati degli ultimi dati estratti dal registro tumori di Lecce, da cui emerge che il tasso di mortalità per neoplasie tumorali a Galatina e nelle frazioni ha raggiunto livelli non più tollerabili, il circolo cittadino di Fratelli d’Italia si fa